Quid

è l’io-pensiero
il sé che sa di Sé
che nel continuo mutare della forma
resta

è l’impalpabile
che non avendo limiti e confini
è puro esistere
nemmeno un punto lo può definire
ente a sé stante

forse c’era da prima
di conoscersi corpo
e forse ancora ci sarà
dopo la sua disgregazione atomica

un io di quanti
in espansione verso l’infinito
forse

Pubblicato in poesie | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Le presenze intorno a noi

nel cogliere i ritorni
i passi dentro un corridoio di neve
scene offuscate          e non d’amnesia
che pure svuota parte delle impronte
una canzone triste negli androni

vecchi colombi in fila su ringhiere
ad aspettare il volo di caduta
con gli occhi rossi        sembrano di pianto
annate complicate
una moria di bipedi smarriti
nella follia virale

il confine si va rarefacendo
nella giuntura tra la luce e il buio
l’essere umano è corpo che racchiude
coscienza che si espande
e nella convergenza degli estremi
è l’uno e i tanti

Pubblicato in CriBo, poesie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

I mali hanno corsie preferenziali

“non mi portate in ospedale
in questi tempi di malora” dice
l’uomo dal troppo zucchero in vena
che se n’è andato via ma ancora sta

rispondere è impossibile
per insufficienza di dove
e il quando è un’astrazione temporale
un prolungato addio di mente

la donna che ha finito le risorse
del buon samaritano
scopre che si può tessere la luna
per farne una campana
_la ripara dai traffici del mondo_
ma chi la sa ascoltare
capisce ciò che tace
sente la densità del suo nondire
le perdona l’esilio della resa
lo starsene in disparte

Pubblicato in poesie, poesie dell'abbandono | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | 4 commenti

di Quanto in Quanto

Se pensiamo
che il sempre è senza date
e che la libertà non ha misure
il mai scomparirà

e noi
minuscoli ed immensi
immersi nel respiro universale
dal nucleo alle galassie
siamo frattali in espansione, ma
ingannati dai limiti apparenti
ci riteniamo solidi
e non sappiamo leggerci attraverso

 

Pubblicato in poesie | Contrassegnato , , , , , , , , , , | 5 commenti

Il gioco e le sue regole

shutterstock_531952309-300x200-1

sulla scacchiera esagonale
avanza il nostro esercito di carta
tentando le varianti
per conquistare la non-dimensione

i pezzi disegnati col grafene
sconfessano sul foglio
l’anatomia dei gravi
le strategie del peso e del volume

si vince se si perde lo spessore

ci si arrende
sventolando la nebbia del pensiero
come bandiera bianca
tra le caselle e il cielo

Pubblicato in poesie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | 8 commenti

Lontananze apparenti

Pubblicato in poesie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Giardino d’inverno

sul vetro della serra il vapor acqueo
scivola sugli auguri della festa
_seminammo l’incerto di speranza_
di fioritura postuma e segreta
potremmo inabissarci nelle favole
per eludere i mali che si schiudono
l’uomo dal fiore in bocca
e in ogni dove

luminarie persistono a distogliere
da strappi inevitabili
_squarci che non c’è filo che rattoppi_
bagliori  che s’infrangono negli occhi
potremmo rannicchiarci dietro gli angoli
d’un castello di carte
fingendo una corazza antidolore
al cumulo di assenze

siamo terreno fragile
esposto alle tempeste

Pubblicato in poesie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

La memoria del vetro

passava una malinconia da stanza vuota
ne temevo l’entrata
a mia difesa disponevo parole
quasi fossero perle
in castaliane strategie di vita
magister ludi*  di me stessa, a bada
d’un’assenza annunciata

_chiedetemi delle opere incompiute_
voi che sapete come me il lasciare
il mettersi in disparte
il trattenere indocili pensieri
che si farebbe meglio a rivelare
se di un’eutanasia dei sensi
l’anima non tacesse

passava tentandomi agli spazi
voi sapete di quelle vacuità allettanti
di come sia rapace l’abbandono
e dico voi perché se lo sapessi solo io
avrei dei dubbi sulla mia sostanza
_infilare un respiro dopo l’altro
non garantisce l’esistenza_

  • *sentirmi in spirito come Josef Knecht, il protagonista de “il gioco delle perle di vetro” di Herman Hesse

 

 

Pubblicato in poesie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | 4 commenti

Gira e rigira l’uomo nell’anello

 

se i corpi
fossero punti di riferimento
sarebbero immutabili
e la vita
un rettilineo senza panorami

ma in un continuum curvo
l’eternità fatta percorso
è un’interfaccia tra nascita e morte
un nastro di Moebius
che in alternanze gravitazionali
scorre mutando forma e percezione
ad ogni svolta

e se la fine
disfacimento o transizione atomica
fosse fittizia sparizione
un susseguirsi di rivoluzioni
di noi
nell’incessante divenire
persisterebbe qualche traccia

 

Pubblicato in poesie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , | 7 commenti

Tempo assoluto e tempo relativo

adesso chiamo
no, lo farò dopo
_quando?_ quando saprò ascoltare
la distanza
i fatti
le peregrinazioni circolari
i giorni per eccesso di dolori
l’affollamento di visioni oniriche
l’ombra in agguato dietro l’angolo

poi chiamerò
domani lo farò
_sai che non v’è certezza_
dice la me che mi censura. Dice
che il tempo è un’illusione ciclica
lo spazio un incantesimo
il luogo un antiluogo
ogni materia il suo contrario
siamo
anche quando moriamo
_gli elettroni non sanno di confini_

la mente
trasmette il cielo senza dir parola
e nell’oscurità che ci trattiene
emana e condivide puntiluce

 

Pubblicato in poesie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

Il vecchio pescatore e l’sola che c’è

guarda il deserto azzurro
la linea che disegna il tempo andato
i suoi ricordi
uccelli migratori senza nido

ha ricucito i fori delle assenze
i vuoti delle case
ma persistono i nodi del dolore
le cicatrici degli addii

da un cielo a un altro cielo
da un mare a un altro mare
si fa costanza ritrovarsi uno
con gli stessi ideali di bellezza
l’amore per l’amore e l’armonia

quell’uno sa
che camminare sulla sabbia
piantare fiori sulla terra
scrivere partiture e poesie
sono diversi modi di pescare

 

Pubblicato in CriBo, poesie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , | 4 commenti

Nel frastuono c’è il seme del silenzio

nacque che intorno urlavano sirene
cadevano le bombe
gente in affanno e corse nei ricoveri
né le braccia materne lo attutivano
quel rumore di tuono
sarà per questo che
                        divenne pietra piccola nascosta
                        allo scavare delle voci

teme la folla
le sagre di paese
la guerra dei sorrisi
l’acrimonia dei vili
i fiori che nascondono pugnali
il mare grosso
                       rischiò l’annegamento
                       ed altre morti

un trabocchetto di ricordi s’apre
senza avvisaglie
scene di vita balzano da crepe
come colombi da una piccionaia
per sua fortuna vegliano amnesie
a salvaguardia della mente
                    vive rasente alla follia dei molti
                    schivando quella propria

scrive nell’aria come su una pagina
composizioni immateriali
l’anima
un asterisco a piè di nuvola

Pubblicato in CriBo, poesie, poesie dell'abbandono | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | 10 commenti

L’uomo che inventò la speranza

Era seduto sulla pietra nera
della caverna gelida
il fuoco ormai soltanto cenere
la tramontana urlava intorno al masso
che chiudeva l’imbocco

la femmina pareva che dormisse
di un sonno troppo duro
_il neonato non vagisce più_
entrambi sono immobili
bianchi come i rigagnoli di gesso

aveva disegnato un bue e un cavallo
ora nel buio spariti
ma li vedeva scalpitare vivi
ad ogni lampo

c’era stata la luce per due volte
e per due volte il buio
e ci sarebbe stato ancora il disco giallo
_quell’oro prima che scoprisse l’oro
un Dio di certo_

e mentre intorno gli moriva il mondo
gli scaturì come una fiamma in petto
un frullo in testa

spostò il macigno
ricordò i colori
la valle degradante fino al mare
_nessuno ancora lo chiamava mare_
le bacche rosse di quel buon sapore
il latte di quel docile animale
il fusto adatto per l’affilatura
l’amigdala già pronta da inastare

uscì nel sole
formulò un pensiero
un pensiero d’immagini soltanto
_domani è un altro giorno_
sarebbe stato detto nel futuro

Pubblicato in poesie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 5 commenti

Andiamo

safe_image.php

lungo un fiume di sassi
che ci trasporta a foce
noi di sbieco
aggrappati alle voci

distanziati
eppure luci d’una stessa stella
caduta e frammentata sulla terra

il tempo non ci coniuga al futuro
e nel presente
siamo la fuga che si fa parola

Pubblicato in poesie | Contrassegnato , , , , , , , , , , | 2 commenti

Messaggio a forme sfuggenti (sembrano sparse)

cristina bove

fluttuazioni - by criBo

Vengo distribuita in molti versi
intendo direzioni
e mi divento inafferrabile
da qualche parte ride un io di fiori piccoli
forse un violino che sparpaglia note
in fondo al letto, là dove non trovo i piedi
e chi sarò da ricavarmi umana?

Ho ancora gli occhi, oppure no, sono soltanto tracce
cosiddette essenziali
ora divelte dalle storie _le voci anche_
un senza oggetto
alcun soggetto
il noi mi fa sparire e riapparire
in punti imprecisati della stanza

ah, la follia! dice la particella sporta
dal centro della fronte
il braccio s’è disteso a dismisura
l’ho perso _ anzi l’abbiamo perso_ noi
esonerati dall’essere compatti
fossimo pane in briciole
per fantasmi di gheppi (ritornano?)

farò, faremo, chi?
Che malditesta! Ecco, sto ritornando.

Signori abitatori di codeste stanze, vi sollevo
dal compito
la vigilanza impone un veloce ripristino
purtroppo
si comincia coll’essere incastrati
un corpo-bara (siamo tutti morti)
la pazza me s’infrange…

View original post 29 altre parole

Pubblicato in poesie | 7 commenti

Rarefazione

Rarefazione

Pubblicato il mercoledì, 4 novembre 2015 di cristina bove

riflesso-lampada-e-viso-by-cribo

Quando il corpo
diventa sfumatura
e non si percepisce stabile
quando sconnesso dagli oggetti
si fa nebbia
si diradano i gesti
si distanziano i fatti
gli amori i lutti le peripezie

nel sonno delle cose andate
la vita è come un sogno
che si vorrebbe ricordare, ma
si tenta invano di afferrarlo all’alba

e l’io pensante
è uno stupore fibrillante acuto
che tracima dagli occhi

Pubblicato in poesie | Lascia un commento

Nei secoli futuri (se ci saranno)

scriveranno di noi
ch’eravamo selvaggi
abbattemmo foreste
assassinammo uomini e animali
soffocammo di scorie monti e oceani
perforammo la terra e l’atmosfera

ch’erano in tanti a disinteressarsi
dello stato reale delle cose
imperversando con le chat
appiccicati ai cellulari
come patelle a scogli

diranno che
vivevamo da schiavi consenzienti
intrappolati nelle seduzioni
a fare acquisti a diventare belli
ad agognare un attimo di fama

racconteranno che la storia
si ripeteva a oltranza tale e quale
dai faraoni agli ultimi regnanti
e i popoli asserviti rinunciatari ignavi.
I combattenti
finiti tutti nelle fosse.

Chissà se avranno un po’ di compassione
per chi visse bramando un mondo giusto
senza vederlo mai

 

Pubblicato in poesie, poesie dell'abbandono | Contrassegnato , , , , , , , , , | 2 commenti

L’orizzonte del pozzo

 

Come l’acqua
che si conforma al cerchio del cemento
si sta nel girotondo degli eventi
avanza il freddo
il cielo è un tondo fisso in cima al mondo

emergere e restare in superficie
placa la discrepanza
tra la melma del fondo e le galassie

siamo nel mentre
un punto fermo nell’oscurità
con un raggio di sole che ci adocchia

 

 

Pubblicato in poesie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | 5 commenti

A-plomb

sulla gruccia - by criBo

il corpo
come un vestito sulla gruccia
cade
spoglia dimestichezze
abitua alla vertigine del senza
nullifica ricerche nell’armadio

un pensiero anestetico
esenta da sgradevoli riflessi
ignora l’affiorare delle ossa
relega l’imballaggio
nel limbo dei drappeggi

soltanto nei ritratti
dissimulato con i chiaroscuri
inganna l’occhio
emerge dalla tela
ma
sotto le velature dei colori
niente

Pubblicato in poesie da non saper che farsene, poesie dell'abbandono | Contrassegnato , , , , , , , , , , | 5 commenti

Meteore


di nascosto
da quella me tergiversante
che mi gabbava con romanticismi
_scrisse perfino di gabbiani e amori_
m’incontro coi poeti del disordine
quelli dei fiori morti e giorni dispari

prendo distanza
dai qualunquismi del dolore
dalle lamentazioni mie ed altrui
dalle epopee di eroi crepuscolari
scritte su pagine di sabbia

siamo fugaci apparizioni
fuochi di paglia apparsi per un attimo
e subito scomparsi
in una pandemia d’assuefazione

Pubblicato in poesie | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento