Archivi del mese: novembre 2010

Amabili quaranta, godibili cinquanta, plausibili sessanta, temibili settanta…

Infine sono età, ne siamo solo portatori ignari credendoci evoluti in cartapezza un angolo di cattedra – oh, sì, mia cara, sono qui, ti ascolto – ma niente, prof, era solo per dire andare per settanta, quale fortuna dicono gli … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | 5 commenti

Mappatondo (in superficie gli uomini)

ce la mettono tutta pieghe di malamore, ondulazioni viticci che ne impigliano i pensieri e saltuariamente sparsi di tracce entusiasmanti si sparpagliano in acqua a riaffiorare parole come bolle o minuscole stelle se si dipana sulle increspature e mille guizzi … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Canone di Pachelbel

Se gli occhi svoltano l’insonnia e un’orchestra sdraiata tra i capelli suona di clavicembali e violini finisce la parola incomincia la resa dei desideri mai rappresentati perché troppo vicini al paradiso.  

Pubblicato in Senza categoria | 15 commenti

È così anche se…

Non mi dà tregua il mondo::::::::::::::::::::::::::avviene con la pressione di uno stelo che scriva sulla pelle mari e voci ma non sappia prescindere dai versi ne fummo appesantiti a volte______________________impronte rosse le baciava convinto che il calore desse forma all’assenza … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | 1 commento

Sponda

Un luccicare liquido di ciglia a cadersi dall’alto e non ricompattarsi mai vedi la macchia? La buca nel cemento a forma di ragazza in alto la persiana semiaperta Vedi è una storia arrotolata una vittoria da dimenticare a monito di … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | 2 commenti

Logica non-contestuale

Le vittorie del tempo sui destini hanno rigore matematico chi strappa il sonno alle chimere àltera il risultato viene da domandarsi e non è facile dove ponemmo limiti al pensiero forse chiedemmo simmetria nel dire pane e assaporare sangue nello … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | 1 commento

Spifferi

Chiudersi alle spalle battenti ricurvi chiglie indietreggiare fino a non vedere preghiere sul selciato Avanzerete qualche supponenza come a dire di cose intermittenti le credevate fisse non groviglio di serpi Il mio nido è festuche ormai nel vento e dove … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Impalcature

Non so se è tutto un gioco se non avrà importanza la morale delle piccole cose né se darà fiato a trombe e clangore a trafiggere impalcature insonni Quello che adesso è persuasione coraggio o naturale smarrimento se non saprò … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | 2 commenti

Oz

Radici parevano le vene della terra segnavano il confine tra le mie mani e il mondo oltre s’alzava il cielo con le sue forme di cobalto io ne vedevo segni in sospensione punti di nonritorno annotavo pensieri a bassa quota … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Rhynchophorus ferrugineus

La settima del giro sondo perlustro il suono sotto la corteccia dove s’annida il punteruolo rosso nel cuore della palma e prossima caduta l’ottava scende in ciangottio quasi vescicolare murmure mi sol fa apre la porta sulla segatura entrava così … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Sulla luna vivono i progetti abbandonati

Sulla luna vivono i progetti abbandonati (Il titolo è una frase di Assunta Altieri) . È sulla faccia tonda che le civette tacite dai rami smettono piume e aguzzano gli sguardi d’argento tra le punte oh mio cuore! mio cuore! … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | 2 commenti

Esagramma 59

Mi proverò a guardare le cose acerbe e quelle rotte avrò il coraggio d’osservare anche le cose marce non col mirino di Witkin però né della Arbus i freaks tento di eluderli fuggo l’anomalia: mi basta quella degli incubi di … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Gli astri non danno nomi agli uomini, gli astri.

Dal concavo sovrastano tra il nascere e il morire ispiratori di misteri insondabili algoritmi d’un software universale pixel sullo schermo infinito d’un pc di cui noi siamo solamente il mouse

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

o dei poeti

Incomincia a suonare e si dilegua con dita di xilofoni l’assolo sulla celesta vertebrale o soffi di ricordi in canne d’ossi nidificati in testa una platea di gente onesta che decide quando è ora di mangiare alle tavole bianche di … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Parole senza filtro

Logomachia da dipendenza effondersi nei versi espirazione libera mi stempero di cielo trattenere l’effimero è mortale voluta mente tra le nuvole quindi riprendo fiato e mi allontano. Sul mio balcone un killer di gerani depone il suo veleno ha un … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Di svuotamenti e rimozioni

Che il tempo richiedesse memorie d’impostura desinenze contate sulle dita da sminuzzare come carta straccia quando una donna vera in carne e ossa la si vorrebbe taciturna amnesica che cancellasse le sue stesse tracce. E forse lo farà per non … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Increspature

Diceva dell’inverno concesso a graffi spifferi di mani andirivieni d’onde a definire il mare le sentiva percorrere nei palmi storie di carne e ossa il faro a perlustrare donne dal cuore di polena trapassati remoti in linee d’acqua un fiume … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Nessuna importanza

A dirne in fondo che siamo transitori e quindi esserci oppure no non cambia nulla saremo scoloriti nella storia come cosa qualunque e il raccontarci inutilmente assorto un giro sulla giostra da bambini il tempo è una puntina di grammofono … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Considerarsi appena

Arriva e arpiona al centro stravolge ogni progetto ha misure di ghiaccio fiamme nel petto e l’abbandono a dio per questa notte ero me stessa il dio da supplicare per sottrarmi ai respiri di pietra ai corvi neri ma poi … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | 2 commenti

Si nasce indigesti

Ci sono ragazzi cresciuti con le pietre in tasca seduti sulle soglie accompagnati dalle mani dure dei padri ci sono figli abituati a vivere di lato a credere che il fiore della bocca sia un imbuto di polvere. Ci sono … Continua a leggere

Pubblicato in poesie | Lascia un commento