Si nasce indigesti

Ci sono ragazzi cresciuti con le pietre in tasca
seduti sulle soglie
accompagnati dalle mani dure
dei padri
ci sono figli abituati a vivere di lato
a credere che il fiore della bocca
sia un imbuto di polvere.

Ci sono figlie di figlie addormentate
nel proprio petto di bambine
e madri che hanno pozzi di tempesta
senza ciglia né riccioli né luna

come si possa diventare adulti
andarsene da sé
sottrarsi alle sirene degli allarmi
e all’occhio zafferano del serpente
tentare di sfuggire
il non ritorno.

Un ragazzo si sporge dai tralicci
degli uomini dal braccio di stadera
pesa parole e pianto
a volte muore d’ansia, a volte uccide
prima se stesso e poi sputa lontano
il nòcciolo d’un sogno.

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...