Anche i colori saltano, dentro

Tento
non ne sono convinta
di tradurre in parole uno zigzag
di suono
parrebbe ridicolo appoggiare
l’orecchio all’aria muta
se l’emitorace sinistro svalvola
sospesa
adocchio un fuori nebuloso
sta nelle corde il termine
apparente
del pomolo che spranga la finestra.

Sono in trasferta
qualcuno deve avermelo già detto
ma l’ho dimenticato
si avevano ricordi al tavolino
quando però c’era di che pensare

ora ne posso fare a meno
si scuote il mio sabot
tutte le carte infilano l’uscita
e chi domanda a chi
non è molto importante.
Ancora qualche mano, certo
ma senza alcun impegno
e un sorriso finché si può giocare.

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...