Archivi del mese: settembre 2011

La donna a due dimensioni

                               Sanguinare discreto ha la metà che ama non riamata e amar perdona fiori disidratati nei cassetti colpevoli di giallo e zone d’ocra squilla dell’altra sua … Continua a leggere

Pubblicato in CriBo, poesia, poesie | 10 commenti

Capo Nord

Appostata sui fiordi era la casa d’angolo piatto a picco rinchiudeva le voci che passarono loro malgrado in quelle stanze dure si videro i superstiti assecondare le correnti e il dire ai balconi rivolti a tramontana resta serena la signora … Continua a leggere

Pubblicato in poesie | Lascia un commento

Sfera di sera s’era

bolla di sapone sul bronzo di una mia scultura la biscia d’acqua morde alle caviglie non avvelena ma scompone il passo e di narcolessia in una bolla di felicità ci ottunde   effimera così l’iridescenza che c’imprigiona nella superficie in … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Strada

Salivo scendevo salivo scendevo nei dislivelli semi d’incostanza liscia la percorrenza mai si leggeva Kerouac, di recente McCarthy i ricordi sfilano in assonanze e turbolenze mnemoniche. Repetita iuvant, si dice io mi ripeto in infinite cose senza genialità. Ricordo viaggi … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | 2 commenti

Cominciato per dire, finito in Géricault

Voglio scrivere anch’io lunghi paragrafi con citazioni di latino e greco, frasi dotte – tanti autori hanno dato forfait nella mia testa – io per studiare ho avuto giorni avari e per avere almeno un’infarinatura in sere e notti, quando … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | 1 commento

Dal carbonio al pensiero

materia e antimateria e qui ci siamo il periplo del nulla eppure tutto a dirsi romanzati o proiettati in stanze versi eccetera raccontare di noi del permanere sulle scale mobili in equilibrio instabile mentre il mondo ci manca o noi … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | Lascia un commento

Cosa copriva

Nel togliersi il cappotto si vide bene ogni particolare segni d’irriconoscimento li potremmo dire non servono bottoni mormorò la donna prima sfilò le maniche era in piedi e guardava davanti un moto si risolse nello specchio ci si sforzava di … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Revisioni del tempo

Quando si affacciano alla soglia e dicono: piacere di conoscerla, signora _________ sono una sessantenne di Forlì, sono un cinquantottenne di Pontremoli qualcuno ne dichiara cento e più e mentre scruto facce di ragazzi vedo maschere strane su di loro … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Seconda discordanza

Eloquenze di morti da palazzo color seppia cariato un vomito di verbi a copertura più sudari che vesti al sentore di canfora semi d’ingiuria neri sulla polpa del mondo a spremerne la vita ci si arrende come a cavare sangue … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Sublimazione

Accendersi di braci _il leone ruggisce nel Rubedo_ la sua criniera incendia il settentrione fonde il metallo _il corvo ha fatto il nido nel Nigredo_ l’opera al nero estingue ogni colore nell’atanor dei sensi _le nozze misteriose nell’Albedo_ liquefazione di … Continua a leggere

Pubblicato in poesia alchemica, poesia pseudoalgebrica, poesie, Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

Falsopiano

Prenderà quel bus per il paese al ponte dovrà fare attenzione ai movimenti saranno regolari, calibrati la vedranno sostare sorridente chi la saluta e chi passa distante guarderà quanto scorre nei dintorni nebbia di gente amara e quando il trapestio … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | 2 commenti

Varuel

Varuel dice mentre si gratta il mento dice che se ti siedi a tavolino un piccolo calore sulla fronte e ti racconti in emicicli a nord della memoria appare in diafanoscopia l’arco del mondo dice facendo spazi con le mani … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | 10 commenti