Firme

Tre ante battute dal sole
anche i muri possono essere incidenti
sezioni d’angolo
ci si specchia l’andata ed il rientro
la zona muta interseca nel vetro
sagome in filigrana

dire di molti altari tralasciati e molti
gesti di sacrestani incappucciare ceri
passano con le storie di rovine
a dorso d’asino – non era da quelle mulattiere
che si sporgevano i malanni –
oggi che basta un raglio ad incantare
affastellare frasi sui risvolti
di copertine inermi
il nudo andare
che per atti notori è insufficiente
ai polpastrelli inchiostratura ciano

una scrittura di cinabro
c’invermiglia la sera.

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Firme

  1. elia ha detto:

    Questa l’ho già letta da qualche altra parte.
    Rinnovo. Sai cosa.

    elia

    "Mi piace"

  2. domenicaluise ha detto:

    Ci sento tragicità e sangue.

    "Mi piace"

  3. margherita ealla ha detto:

    un distico finale molto bello che chiude o lascia intravedere il volume di questi versi altrettanto belli
    c’è il “racconto” di una scrittura, di una mulattiera di segni che la mano curva risale…

    ci si sente “sangue”, come dice Mimma, vita a sudare e a denudare altra vita…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.