Innumeri e astratti

Sessanta chili e passa
d’ossa frattaglie e tutto il resto
sarà smaltito in automatico ma
non i compiacenti miei coautori
sporti lungo le soglie
quel tanto da farsi appena scorgere

non ci sono parole e tu vorresti dire
so che vorresti dire col volgere degli occhi
quel mio vivere adesso
un po’ dismessa un po’ felice un po’

ché si fa in tempo ad essere presenti
prima che un fischio avvisi della fine
tempi supplementari già scaduti

essi mi sono intorno
approvano la mia rarefazione
sanno

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie. Contrassegna il permalink.

16 risposte a Innumeri e astratti

  1. Domenica Luise ha detto:

    Ma che bellezza questa poesia e come tocca nel profondo, perfino con un delicato tocco ironico (le frattaglie…sic. Lo smaltimento in automatico: è verissimo!). Bella l’immagine dove la terra si protende al cielo, che è da sempre il suo manto.
    “Quel mio vivere adesso un po’ dismessa un po’ felice un po’”: è così anche per me, del resto abbiamo la stessa età, anche se tu ti senti tanto più grande per quei pochi mesi che sei nata prima. La poesia mi rende felice e vorrei comunicarla, è un grandissimo valore umano. Il testamento vero. Altro che calcio e discoteche.

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      Spero venga quel giorno in cui i ragazzi di tutto il mondo comincino ad ascoltare le presenze invisibili che sono intorno…
      che sentano l’ispirazione di altre dimensioni e di altri esseri e tutta la loro attenzione la dedichino alla poesia, all’arte, al benessere dell’anima.
      Altro che calcio e discoteche!… già!

      Mi piace

  2. annamaria49 ha detto:

    Buongiorno, cara Cristina, i sessanta chili e passa saranno smaltiti, si sa è per tutti, ma non le preziosità immemori, non la bellezza dell’anima e di pensiero. Chi ha talento, come te, lascia le sue tracce.
    Bravissima, come sempre.
    con affetto sempre presente
    annamaria

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      Grazie della tua sempre affettuosa attenzione, cara Annamaria.
      io latito un po’ nei blog, sono presa dai preparativi per il trasloco prossimo e probabilmente dovrò chiudere per un po’.
      Almeno ci provo.
      Se non mi mancherete troppo!
      ciao, a presto

      Mi piace

  3. rossella ha detto:

    Ironica, amara, terribile, splendida. Viviamo il presente Cris, c’è la poesia e le belle persone che son qui a sostenerci. E tu ne hai tante, me compresa. Ti voglio bene

    Mi piace

  4. cheneps ha detto:

    “…quel mio vivere adesso
    un po’ dismessa un po’ felice un po’…”
    che bei versi! Siamo tutti un po’ innumeri e astratti quando scriviamo, ma scriviamo…altro che calcio e discoteche, come dice Mimma!

    franca

    Mi piace

  5. carmen ha detto:

    Bella, malinconica, autenticamente tua… mi piace il verso (quel mio vivere adesso / un po’ dismessa un po’ felice un po’) perché sento l’equilibrio vitale del sentire… dove voglio far risaltare l’importanza dell’essere felice, anche se solo un po’.
    I tempi non sono supplementari e non sono scaduti.
    E se anche così fosse, voglio vedere chi si permetterebbe di dare il fischio… che gli risponderemmo: me ne in_fischio del tuo fischio!
    E proseguiamo i nostri tempi “ordinari”. Ecchecavolo!!!
    BBBCAR

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      “l’importanza dell’essere felice, anche se solo un po’.”
      proprio così, hai interpretato nella maniera giusta!
      è bella la vita! con tutte le sue vicende, tragiche, comiche, appassionate, fuggevoli, stabili…
      è vita anche quella che si esprime in poesia.
      Delle mie “presenze” ti ho parlato.
      bbb
      cri

      Mi piace

  6. Fausto marchetti ha detto:

    mi piace quel ” un po’ ” sono convinto che basti per andare avanti ancora per molto, è questo il mio augurio per te e per noi che qui passiamo per condividere ciò che con tanta generosità doni e in questo caso non si può dire certo un po’.

    Mi piace

  7. massimobotturi ha detto:

    la rarefazione nei poeti avviene più lentamente che nei non poeti

    🙂

    Mi piace

  8. lux.frisa@libero.it ha detto:

    bellissime, sempre originali, sempre vibranti, le tue poesie, sempre bravissima, cara Cristina
    lucetta

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...