“Dance of the Blessed Spirits” *

Come faccio a rapirti
se ti adagi nel limbo del letto se
non permetti alla furia del pianto
di scioglierti a morte
prima d’un qualunque modo d’esser vivo
soffiarti il naso spremerti un foruncolo
andare al bagno – eufemisticamente –
o giù per strada a negoziare un quarto d’ora
di rimozione dal qui

come faccio a spiegarti che ruggisce
la parola
che prima di farsi lembo taciturno e scritto
è rombo
talmente gorgo e vertigine
da rasentare smembramento

e ci dilanierebbe in maniera perfetta
da non poterci più distinguere
tu ed io
un colosso di marmo
fuso a una bouganville

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie. Contrassegna il permalink.

32 risposte a “Dance of the Blessed Spirits” *

  1. maria d'ambra ha detto:

    La potenza creativa porta sempre in sé un enorme contributo di dolore…
    ma come faccio a dirti che se la parola ti si offre, così prepotentemente da imporsi dalla sponda del letto al trionfo di bouganville, a te non resta che trasmetterla…
    però non dimenticare di non voltarti indietro…
    un abbraccio

    "Mi piace"

  2. rossella ha detto:

    Oh mioddio, è un grido questa poesia, cris! Bellissimo quel “come faccio” che dà un tono di tenerezza al testo. Tutto il resto è dolore, sofferenza quasi incontenibile, ma la bellezza dei versi sublima anche questi stati d’animo. Mi è piaciuta tanto, ma proprio tanto. Ormai naufraghiamo un pò tutti nel dolore, chi per un motivo, chi per un altro e tu lo esprimi magnificamente, anche per noi. Un bacio e buona giornata

    "Mi piace"

    • cristina bove ha detto:

      Diceva Franco Fortini che “… la poesia è un ragionamento fatto in presenza di un sogno, cioè un discorso che in apparenza è un discorso come un altro cioè un discorso di amore, di dolore, di descrizione, di esortazione, di sapere, di sapienza che è fatto sotto lo sguardo di un fantasma sotto uno sguardo che tutto tramuta, tutto apparentemente lasciando intatto come accade appunto nei sogni.”

      cara Ross, perciò scriviamo…

      buona domenica.

      "Mi piace"

  3. Domenica Luise ha detto:

    Orfeo ed Euridice sono l’incarnazione della leggenda delle due mezze mele che si riconoscono e si riuniscono, in realtà sono uno, così come la Cristina carnale, che si adagia “nel limbo del letto” e non permette “alla furia del pianto” di scioglierla “a morte” è una con la Cristina poetica, che le chiede: “Come faccio a rapirti”?
    E la parola vi rende una sola cosa, una sola Cristina, simile ad una pianta di spine e di fiori. Ma che bella poesia, nitida, libera ed efficacemente comunicativa. Il blessed lo tradurrei con consacrata dalla poesia che ferisce in delizia, toccata e resa canale poetico. A questo punto non è più composizione, ma vita, sangue proprio, anima. Chi legge difficilmente capisce, ma comunque percepisce se si accosta alla lettura con animo sgombro da idee preconcette sull’incomprensibilità della poesia di oggi. Avviene un anima ad anima poeta-lettore, per cui si può leggere e rileggere entrando e uscendo dalle infinite sfaccettature interiori dell’altro.

    "Mi piace"

    • cristina bove ha detto:

      non trovo di meglio, cara Mimma, che citarti:
      “…poesia che ferisce in delizia, toccata e resa canale poetico. A questo punto non è più composizione, ma vita, sangue proprio, anima. Chi legge difficilmente capisce, ma comunque percepisce se si accosta alla lettura con animo sgombro da idee preconcette sull’incomprensibilità della poesia di oggi. Avviene un anima ad anima poeta-lettore, per cui si può leggere e rileggere entrando e uscendo dalle infinite sfaccettature interiori dell’altro.”

      miglior defnizione della poesia, non trovo.
      Grazie!

      "Mi piace"

  4. carmen ha detto:

    Già… le assonanze… limbo lembo rombo… casuali forse, ma non credo…
    preferisco pensare che siano emerse così spontaneamente che la resa sia per questo efficace.
    Tanto più che mi sembra di assistere ad un formarsi graduale di un puzzle, dove ogni tessera ha la sua precisa collocazione e non altra.
    Ben detto quel “quarto d’ora di rimozione dal qui” che si negozia per strada…
    ed anche la parola che ruggisce!!!
    Brava.
    Buon week
    Car

    "Mi piace"

    • cristina bove ha detto:

      Stavolta rispondo ai commenti con citazioni, vedo.
      Questa è lo stralcio di una risposta all’intervista da te rilasciata sul quotidiano “Il Giorno”:
      “per scrivere devi avere qualche sensibilità che ti porti a desiderare di farlo. Una situazione che a tutti può sembrare banale, per il poeta diventa qualcosa di diverso. ”
      Non mi ero accorta delle assonanze, sono scaturite così, come del resto tutta la poesia.Grazie di avermelo fatto notare.
      buona domenica

      "Mi piace"

  5. cheneps ha detto:

    …come faccio a spiegarti che ruggisce
    la parola
    che prima di farsi lembo taciturno e scritto
    è rombo
    talmente gorgo e vertigine
    da rasentare smembramento…

    li evidenzio perché sono davvero alti ed è così che nasce la poesia

    franca

    Piace a 1 persona

  6. guido mura ha detto:

    Meglio scriverla la parola, perché ha una tale forza da esploderci tra le mani. Nello scriverla acquista dolcezza, una disperata dolcezza, quella che si manifesta in questa tua creazione, assolutamente struggente e incantevole.

    "Mi piace"

  7. Anna Maria Curci ha detto:

    è solo entrando nel cerchio che si snoda
    che alla parola potrò dare un tetto
    mi strapperò dal limbo del mio letto
    con la tua voce danzerò, oltre la moda

    "Mi piace"

  8. carmen ha detto:

    Che bel duetto tra Anna Maria e Cristina! Bravissime ad entrambe.
    Buona domenica
    car

    "Mi piace"

  9. frantzisca ha detto:

    …e si trasmuta in un fuoco d’artificio mai visto…il fiorire di stelle e colori, è un parto doloroso, dalla deflagrazione interiore ai polsi, alla pagina vergine e poi agli occhi di “altri”…c’è dell’esplosivo in maschera in queste tue ultime che tu maneggi con la consueta perizia ed eleganza…
    Grande Cris!

    "Mi piace"

    • cristina bove ha detto:

      Fran, di parti e di deflagrazioni esperta…
      l’esplosivo c’è, è dirompente. e non so fino a quando e fino a dove mi potrà preservare il dirne in versi.
      conosci bene il mio pensiero.
      se ti dico che ho smesso di nuotare contro corrente, puoi capire, vero, cosa mi sta succedendo?!…
      a presto
      ciao

      "Mi piace"

  10. ninaesposition ha detto:

    Versi ricchi di sonorità e sensorialità con sfumature che producono un effetto di sogno e di musica che accarezza e culla, come l’immagine che l’accompagna.
    Una revérie per trasmutare emozioni dolorose in occasione letteraria e… per tenere a bada la voce primitiva di Thanatos.
    E’ un dialogo che oscilla dal bisogno di uno specchio/Narciso capace di dare stabilità ad idee del tipo “sacrificare tutto per una nuova rinascita”… ad una comunicazione intima con un Sè soffocato da una falsa compiacenza di appartenere alla Vita.
    -Come faccio…- suona così potente ed impotente questo interrogativo gridato dal cuore…
    -Come faccio…- urla, scuotendola quasi con violenza nel vano tentativo di dialogare con “lei”, con-tenta ed in-tenta nei “qualunque modi di essere vivi”.
    “Lei”, che non sente il rombo di quelle parole che pure squarciano il cielo inzuppate di poesia, quelle parole che ruggiscono e con il loro impeto violento, come fossero lo scudo della testa di Medusa, pietrificano il lettore, quelle parole vive che esaminandosi dicono tutto..capaci di implodere e fondere in un tutt’uno “colossi di marmo con tenere bouganville”…
    “Lei”, simile a quella finestra sul selciato che suggerisce l’idea di immutabilità, permanenza, barriera che ostacola ogni progresso…
    E, come Orfeo trovò il suo doppio nell’usignolo condannato a cantare in soitudine, non resta che continuare “a percorrere in versi ed inversi quell’anello di Moebius mentre l’io continua ad esistere, eterno e solitario, dislocato nel vuoto” !
    Che meraviglia, Cris!!

    "Mi piace"

    • cristina bove ha detto:

      Nina, si ha un bel sorprendersi di spalle, o fissarsi negli occhi di uno specchio.
      Sento e vedo più che altro un fantasma.
      Abitatore inconsapevole della mia notte, a volte anche del giorno.
      Una voce taciuta per incapacità di essere al di sopra dei condizionamenti, troppo preso dal comune senso del comunicare senza nulla trasmettere.
      Forse a rivestirlo di una forma precisa, corro il rischio di non seguirlo più, benché rappresenti l’altro aspetto misterico.
      Senza scomodare i rosacroce, e prendendo le distanze da suggestioni alchemiche, sono io a precedere, voltandomi soltanto per vederlo volontariamente bendato, deciso a non smarrirsi ancora, e finalmente pronto a lasciare l’erebo.
      Cosa tra l’altro resa possibile da quando la scelta del percorso è in verticale, e un soffio invisibile sostiene mentre si scorge il varco aprirsi in alto.
      Grazie di esserti addentrata così profondamente in questi versi.
      cri

      "Mi piace"

  11. theallamente ha detto:

    miracolosamente bella. Infatti: come fai? Fai. Come fa il cuore a battere…
    Baci

    "Mi piace"

  12. gelsobianco ha detto:

    “come faccio a spiegarti che ruggisce
    la parola” ❤
    Cri, una grande meraviglia, sì.
    Ho letto ogni commento e… sto in silenzio e ascolto questa musica che si intreccia con i tuoi versi.
    Mia piccola-grande Cri cara
    gb

    Piace a 1 persona

  13. cristina bove ha detto:

    sono felice dei tuoi apprezzamenti, cara gb, perché l’eleganza è l’espressione filosofica della bellezza.
    grazie ❤

    "Mi piace"

  14. fattorina1 ha detto:

    Quando profetizzi raggiungi un grado di intensità poetica quasi diversamente irraggiungibile.
    Ho usato di proposito il verbo profetizzare perché attribuisci alta voce a canto lacero, usato e disusato. Tu rinnovi forme e mistero.
    Narda

    Piace a 1 persona

    • cristina bove ha detto:

      grazie, cara Narda, di esserti soffermata su questo aspetto metafisico che spesso si insinua nei miei versi, senza che io possa arginarlo.
      sarà perché quando si sono sperimentate le visioni del coma, si ritorna in questo mondo completamente diversi e consapevoli.

      "Mi piace"

  15. elia ha detto:

    Sua Altezza
    la Poesia

    elia

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.