sosta


Transizionale

S’alternano lumini a fuochi fatui
l’anima a zonzo nell’aggregazione
debole
vacilla per sconcludersi nel lampo
d’una cerniera d’anta
battente come quella d’un saloon.
Qui
dove s’offre a tutti
a chi vuole ristoro e a chi denigra
a chi spigola e a chi la porta a casa
a chi la onora e a chi la usa.
Versi in perenne mostra
al bar della sua vita.

A lei rimane
consapevolmente
rendersi ubiqua e di passaggio
attraversata da

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie, soste. Contrassegna il permalink.

21 risposte a sosta

  1. Marzia Alunni ha detto:

    Bel testo, denso, vi si respira un clima di straniamento che sembra legarsi ad un luogo al di fuori dello spazio e del tempo consueti. Una comunicazione volutamente in sospeso, rarefatta eppure intensa. Si avverte un dolore, o forse, meglio, una disillusione. L’aperto disincanto tuttavia conquista e seduce tramite immagini, originali e misteriose, evocate dalla parola, sempre curata e potente, di cui i versi sono l’espressione più viva. Marzia Alunni

    Mi piace

  2. cheneps ha detto:

    Rendersi ubiqua è concesso a pochi pochissimi forse, dunque è fortunato l’essere che ci riesce, attraversato da. Il trasloco è esperienza dura, ma dopo
    le novità della nuova casa ripagano.
    Buon trasloco
    franca

    Mi piace

  3. ninaesposition ha detto:

    “…versi in mostra al bar della tua vita…”
    Sull’ala della tua parola poetica spaziamo nel cosmo del perpetuo andare…
    Vacillamenti, transitorietà, disfacimenti, lungo il sentiero di un tempo limitato dalle cerniere di quell’anta che non chiude…
    Un’ansa di tempo oltre, immobile, infinito…in bilico sul vuoto di un abisso divisorio… esserci ed essere… con un occhio rivolto dentro di sè ed uno fuori di sè… tra finitudine ed eterno… tra notte dell’incoscienza che si prepara a ricevere il giorno e la luminosità di uno sguardo che si apre per ricevere la luce… qui e altrove… dentro e fuori… ovunque…
    L’ubiquità, attributo del tutto e del nulla, la marca di questi tuoi versi!

    Mi piace

  4. Domenica Luise ha detto:

    È duro, ma simultaneamente bellissimo e irrenunciabile, per le tue mille e più ubiquità, restare in esposizione inerme al bar della tua vita: è il destino dei poeti. Resta tranquilla, aspetteremo che tu ritorni dopo il trasloco, ti raccomando, non dimenticare le rose.

    Mi piace

  5. lallaerre ha detto:

    Ciao Cristina…ti penso

    Mi piace

  6. rossella ha detto:

    A presto e non stancarti troppo, sennò come faremo a leggere ancora poesie come questa?

    Mi piace

  7. sonobruno ha detto:

    Molto…”carnale”, se si può dire di una poesia, di quelle che mi piacciono di più, più vivine “alla terra”.

    Mi piace

  8. marzia ha detto:

    Mi piacerebbe creare con questa tua creatura un video servendomi di questa colonna sonora.
    Che ne dici?

    Mi piace

  9. annamaria49 ha detto:

    Bella, bellissima, un’armonia di parole. Non ti stancare troppo, cara, spero che, dove sei ora, ci sia ancora il tuo adorato giardino.
    A presto, con tanto affetto.
    annamaria

    Mi piace

  10. cristina bove ha detto:

    Grazie di cuore a tutti. Mi date la forza di continuare… domani un altro giorno d’inscatolamenti.

    Marzia, certo che puoi.

    un abbraccio globale

    cri

    Mi piace

  11. ioviracconto ha detto:

    Al bellissimo commento di Marzia Alunni aggiungo soltanto l’incantata ironia delle tue parole poetiche. Ma in tutto il testo c’è fermento di istanze, di riflessioni, di immagini dolenti eppure vitali.
    A presto. amica.

    Mi piace

  12. TADS ha detto:

    il trasloco è una iattura che prima o poi capita a tutti,
    forza e coraggio Cristina

    TADS

    Mi piace

  13. carmen ha detto:

    Buona fortuna e a presto!
    car

    Mi piace

  14. cristina bove ha detto:

    grazie!
    ancora e ancora a tutti!
    cri

    Mi piace

  15. aitanblog ha detto:

    Buon lavoro (tra qualche mese toccherà anche a me)!
    A presto

    Mi piace

  16. turquoise66 ha detto:

    L’ultimo trasloco, e chi se lo scorda più … solo a pensarci mi fanno ancora male le ossa. Ma la prima sera nella casa nuova ci si addormenta tra gli scatoloni con sogni nuovi di zecca. Tanti auguri, cara Cristina.

    Mi piace

  17. cristina bove ha detto:

    Aitan e Turquoise
    grazie
    a presto.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...