Archivi del mese: agosto 2012

da M.A.M.

giornaliere inconcludenze di c.b. .

Pubblicato in mam, poesie | Contrassegnato | Lascia un commento

Ci sono giorni

o c’erano che le inferriate alle finestre facevano passare i cacciatori li sentivi arrivare sarebbero riusciti a farsi piatti tanto da scivolare sotto i muri e venire a svernare nel recinto della tua vita breve c’erano i succhiatori accreditati apprendisti … Continua a leggere

Pubblicato in CriBo, poesie | 14 commenti

Compartimenti stagni

Tu lago a profondità variabile i vicini hanno pavoni che gridano le grida dei pavoni, sapete, somigliano agli strilli dei bambini: li seviziano, pensai, occorre chiamare la polizia ma poi li vidi con le loro ruote belli soltanto i maschi … Continua a leggere

Pubblicato in poesie | 21 commenti

Dis_abito

Il tempo era una veste macramè traspirava d’azzurro disegnavo giornate a tratti di pennello stracci intrisi di colla e di colori ne uscivano velieri foglie visi gatti sornioni tavoli di rose fiorivano le sedie e i portaombrelli erano le mie … Continua a leggere

Pubblicato in CriBo, poesie | 40 commenti

Mescita

fossi una cavola e non d’oro come l’insegna della trattoria ai Castelli una cavola da barile eccentrico un pochino elegante        anche da vin de messe e chiudere di me l’origine e il fermento infine             … Continua a leggere

Pubblicato in poesie | 2 commenti

Co_gitanti

S’erano aggiunti alla commedia portavano parentesi e puntini civettuoli vedete – interpellavano con gli occhi – possiamo sottacere le parole quelle scritte non quelle pronunciate che restano avvinghiate ad architravi a stelle spente a mondi a camere d’inverno corvi e … Continua a leggere

Pubblicato in CriBo, poesie | 21 commenti

Agauós

Per quando non ci sarò più fiore d’agave assiso tra le pietre in pieno sfiorimento color ocra e il bianco mio d’intorno una raggiera spenta allora sarò soltanto le parole dette a un disattento viaggiatore il nucleo d’un sentire che … Continua a leggere

Pubblicato in CriBo, poesie | 32 commenti

Al mercato (o era un teatro?) di Ica

Si appartiene alle cose scrissi anni o secoli fa ma non importa se son le cose a divenire e poi… un avverbio di tempo e tre puntini non si sottrae dal testo solo riduce spazio tra sipario e fondale un … Continua a leggere

Pubblicato in CriBo, poesie, riproposte | 10 commenti

Giovedì da mam

Ma i dugonghi gridano?   .

Pubblicato in mam, poesie | 3 commenti

sembra

qui .

Pubblicato in CriBo, poesie | Contrassegnato | Lascia un commento

Lo specchio e la polvere

Come si fa a sapere chi si è se non si sa altro di sé che un parapetto? E la fuga nel vuoto di una galleria interminabile. Sprazzi di una resa di pareti al tremito incessante della terra. “Qui non … Continua a leggere

Pubblicato in CriBo, racconti | 22 commenti

Erase

in un giorno pesante di bagagli lo stesso battito dei primi ferimenti i soliloqui delle mani intercettate morse d’acciaio tuttavia realtà negata e poi vissuta a stento uomini come salici incurvati ardono tra le spine sarà solo la cenere a … Continua a leggere

Pubblicato in CriBo, poesie | 7 commenti