Mescita

fossi una cavola
e non d’oro come l’insegna della trattoria ai Castelli
una cavola da barile eccentrico
un pochino elegante        anche
da vin de messe
e chiudere di me l’origine e il fermento
infine                           per palati oltremodo raffinati
essere storia
liquida

per quanto può durare

il cartellino doc
propenderei per l’interpretazione classica
in sinergia di doghe

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Mescita

  1. domenica luise ha detto:

    Poesia sicuramente elegante ed inebriante, anche doc.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...