Ci sono giorni

o c’erano
che le inferriate alle finestre
facevano passare i cacciatori
li sentivi arrivare
sarebbero riusciti a farsi piatti
tanto da scivolare sotto i muri
e venire a svernare nel recinto
della tua vita breve

c’erano i succhiatori accreditati
apprendisti filosofi
aspiranti ladroni
freschi di doccia e profumati
                   dove ci sistemiamo
                   qui nella stanza dei colori o dove
                   si mimetizzano gli affanni
                   con le livreee dei servitori?

C’erano cavità da raccontare
inadeguate ai vivi             e per i morti
traversate strategiche
in diafanoscopie dense di cielo

 

.

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie. Contrassegna il permalink.

14 risposte a Ci sono giorni

  1. massimobotturi ha detto:

    tutti, chi più chi meno, dediti a succhiarti la vita

    Mi piace

  2. robertomeister ha detto:

    Mi piace molto quel ” dove ci sistemiamo? ” Di solito queste parole sono pronunciate da persone profumate… troppo profumate!
    Un carissimo saluto

    Roberto

    Mi piace

  3. albafucens ha detto:

    ci sono giorni
    in cui a sfogliare le pagine dei blog, si approda in porti dove ci si ristora, nutre di intense ed emozionanti parole come le tue e si riparte arricchiti, carichi di doni e souvenir 🙂

    un abbraccio

    Mi piace

  4. domenica luise ha detto:

    La vita dei buoni è sempre risucchiata, accerchiata e condannata. I cacciatori sono anche maldestri: si fanno accorgere subito. Solitamente è invidia, alla quale il poeta risponde con un addensamento di cielo incomprensibile ai più.

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      non la vita dei buoni, cara Mimma, la vita dei poeti, e cioè di tutti coloro per i quali essa non può consistere solo nella quotidianità scandita dalle ragioni materiali.
      forse, come dici tu, è invidia, perchè, seppure inconsciamente, avvertono che nel’artista c’è una ricchezza che essi, per quanto facoltosi, non possiedono.
      e non colgono il cielo.

      Mi piace

  5. aitanblog ha detto:

    Si succhia dove si trova da succhiare…

    Mi piace

  6. cicabubu ha detto:

    succhia succhia..restano ossa stanche…^^

    Mi piace

  7. gelsobianco ha detto:

    è una di quelle notti in cui vengo qui a succhiare la tua poesia…
    “c’erano i succhiatori accreditati
    apprendisti filosofi
    aspiranti ladroni
    freschi di doccia e profumati”
    non credo di essere tra questi…

    quel tuo “dove ci sistemiamo?” fa sentire il troppo profumo che nasconde ciò che non è…

    grande Cri!

    hai postato anche una musica che amo molto e su cui si potrebbe parlare per ore…
    gelsobianco

    Mi piace

  8. cristina bove ha detto:

    grazie, gb, è bello poter condividere pensieri e musica.
    un caro saluto

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...