Una porta si ape

 

Una porta si ape
– si apre – mi corresse.
No, si ape
al dunque di grancassa nel bussare
quando meglio un ronzio

– ripasso dopo – disse –
all’ora del riposo degli stipiti
conservami un pistillo di stuoino
ai tegumenti teneri fa male
l’erba urticante.

Un battente si apre
– si ape – mi corresse.
No, si apre
al conosciuto amato calpestare
anche se poi prosegue
e passa oltre.

.

 

.

.

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie. Contrassegna il permalink.

15 risposte a Una porta si ape

  1. Anna Maria Curci ha detto:

    tenue e tenace, sa attendere e succedere all’ingombro stentoreo

    Mi piace

  2. carmen ha detto:

    […]
    ai tegumenti teneri fa male
    l’erba urticante […]

    ecco, mi bastano queste parole per oggi!

    buona giornata, Cri!

    PS: ma per le erbacce, non si potrebbe utilizzare un diserbante?
    (chissà se esistono “parole diserbanti” per sterminare tutte le
    erbe urticanti, boh!)

    car

    Mi piace

  3. annamaria49 ha detto:

    Bella, raffinata e con quel messaggio che ronza e punzecchia.
    Che dirti, cara, se non bravissima.
    Buona giornata
    un caro abbraccio
    annamaria

    Mi piace

  4. robertomeister ha detto:

    ” parole disserbanti”… felicissima espressione, anche se spero non intacchino mai i tuoi versi, così che noi si possa goderne.
    Un abbraccio Cri

    Roberto

    Mi piace

  5. infranotturna ha detto:

    le giuste parole, dette col giusto tono – il silenzio rotto da un ronzio che le incornicia. Sssssst…
    baci

    Mi piace

  6. annitapozzani ha detto:

    Che meraviglioso gioco di parole! Bravissima!!!

    Mi piace

  7. domenica luise ha detto:

    A quel tocco finale, ovviamente, non si può a lungo fare finta di non capire: si ape…
    L’ape mielosa, generosa, vitale, ma anche l’ape che infligge il suo pungiglione.
    Ci sarà una volta che non passerà oltre, ma prima tante altre rose o poesie, tutte senza spine.

    Mi piace

  8. cristina bove ha detto:

    si apre, Mimma
    e non è più l’ape a sostare, ma l’ospite di qualche ora piacevole, che se pure si è allontanato oltre la soglia, ha lasciato l’eco dei suoi passi.
    Grazie dell’augurio di rose e poesie, tutte senza spine.
    un abbraccio

    Mi piace

  9. Pingback: in punta di blog: l’antiquariato di briciolanellatte, la porta che si ape di Cristina Bove | a video spento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.