Comunicazione webale

Quale misura umana un pollice
l’attenzione del singolo nel simbolo
mi piace
liked
t’ha messo le faccine
cmq nn ha nnt più da dire

sono rimaste ingiurie immotivate
le sparerà volgari
su chi vuole emulare e mai raggiunge
__l’invidia veste cappa nera
cappuccio da Ku Klux Klan__

dove non può arrivare
la volpe dice che l’uva è cattiva
con voce menzognera
blandisce      cova desideri oscuri
perfino s’è ammalata per carpire
a colei che l’accolse e confortò
la buonafede
colei che adesso   avendo visto chiaro
non vuole e non ha niente più da dire.

 

.

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

22 risposte a Comunicazione webale

  1. api ha detto:

    in sintonia, Cri, prima ancora dell’alba.

    Mi piace

  2. Anna Maria Curci ha detto:

    pollice verso e il silenzio verde
    di chi meschino sfoga vile pochezza

    😉 molto, molto, Cri

    Mi piace

  3. carmen ha detto:

    Ricordi la mia Invidia ed ignoranza che vanno a braccetto… o qualcosa di simile. Ma… come diceva Qualcuno: “non ti curar di lor ma guarda e passa”
    Parto per CdO, fra 3 ore da BG. Torno l’1.11. Baci – Car. issima 🙂

    Mi piace

  4. infranotturna ha detto:

    interessante. La comunicazione webbale del resto è appena nata (ma tu già ne parli…) e ancora molto c’è da costruire, da studiare, da discutere sull’argomento. Un linguaggio che sta muovendo i primi passi – sono contenta di esserci… Forse dovremmo usare parametri di valutazione “diversi” per decodificare la comunicazione quassopra, ancora ambigua e/ma molto fluida.
    Baci!

    Mi piace

  5. tizianatius ha detto:

    Bella, mi piace l’ironia che spesso leggo tra una metafora e l’altra, sa di succo appena spremuto.
    Ciao!
    Tiziana

    Mi piace

  6. albafucens ha detto:

    molto molto carina, sei proprio brava 🙂

    Mi piace

  7. Stefano Re ha detto:

    Idea geniale.
    Stefano

    Mi piace

  8. massimobotturi ha detto:

    si, va beh, ma dov’è che si clicca qui?

    Mi piace

  9. domenica luise ha detto:

    Gli invidiosi bavosi si condannano da soli, lanciano un boomerang che gli ritorna a sbattere sulla testa . Che si vergognino. La tua poesia incomincia un po’ svagatamente, mette soavemente a fuoco il problema e lancia la sua stoccata che, questa sì, affonda. La volpe e l’uva è una favola modernissima e universale, in quanto all’invidia isterilisce l’ispirazione. Per scrivere ci vuole innocenza. Peggio per loro.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.