Futuro primordiale

 

L’alga che si porgeva al flusso docile
lascia la rena e i ciottoli
chiama una voce dalla superficie

è la promessa a sostenerla a galla
le dissero in segreto che la via
per ritornare è ancora e sempre andare

viaggio di trame l’es
logo e ventaglio
il sé di una flabelia è un dio nascosto
tra laminarie e bocche di corallo

 

.

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie. Contrassegna il permalink.

20 risposte a Futuro primordiale

  1. domenica luise ha detto:

    Il cambiamento di vita, causato dal male ottenuto dal poeta in cambio del bene elargito, diventa una sorpresa: vivere del soffio anziché dell’acqua salata.
    La poesia è bella, oscura e piena di vita perché i poeti trasformano tutto, è nella loro natura.

    Mi piace

  2. maria d'ambra ha detto:

    Come l’alga tutti ci stacchiamo dal fondale per seguire una promessa che viene dall’esterno, dalla superficie e che inevitabilmente è disattesa… ma durante il viaggio che non può mai smettere ci si accorge che si gira in tondo, che passato e futuro coincidono e l’unica voce che non incanta è quella che risuona dentro, siamo sempre noi il dio nascosto, basta imparare ad ascoltarci…
    Cri è inevitabile accogliere ogni tua poesia e lasciarla marinare a lungo dentro di sé…
    baci

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      siamo immersi nell’ignoranza, nessuna indicazione che ci dica dove siamo, eppure abbiamo il coraggio di staccarci e lasciarci trasportare dalla corrente, sapendo che qualsiasi cosa sarà sempre meglio della stagnazione.
      e dici bene, è essenzale imparare ad ascoltarci.
      grazie

      Mi piace

  3. robertomeister ha detto:

    Stando nell’ombra, il deus absconditus muove le fila… come promessa non mantenuta.
    Grazie sempre Cri

    Roberto

    Mi piace

  4. miglieruolo ha detto:

    Chissà perché la poesia mi ha riportato l’adolescenziale “l’albero a cui porgevi la pargoletta mano”. Ignoranza (studia, capra! direbbe l’abominevole uomo della TV, voi sapete chi) o suggerimento dell’inconscio? Ci rifletterò sopra. Spero che da qui alla ripetizione sul mio blog ne esca qualcosa…
    Al ritorno dal Messico, magari. Ritemprato da un mese di possibile gioia e ascesa verso me stesso. Verso l’umano a cui apparteniamo e a cui non tutti, purtroppo, aspiriamo.

    Mi piace

  5. Pingback: miglieruolo

  6. miglieruolo ha detto:

    Efficace e valida l’ho sprecata per pura disattenzione. Ma forse a distanza di tempo, con un buon commento e corredata di una seconda immagine penso di poterla riproporre…
    Scusa Cristina…

    Mi piace

  7. ninaesposition ha detto:

    Alghe delle cavità minori, fra scogli sommersi, pendii rocciosi e fondali di corallo, a forma di dita, a forma di ventaglio, si lasciano trasportare tra silenzi e profondissima quiete…sanno bene che andare è ritornare…che ritornare è indietreggiare… ma… così dolce è il naufragar in questo mare….
    ;-))

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      Nina, dal giurassico e oltre, tracce della nostra vita acquatica, ontogenesi e filogenesi congiunte, per arrivare al distacco dalla storia planetaria…
      ce la faremo a saperci esattamente nel tutto?…
      e se per emergere bisogna inabissarsi, cia compiuto il ciclo!
      un sorriso.

      Mi piace

  8. wordinprogress ha detto:

    già il titolo è tutto un trascorso avveniristico, un “viaggio di trame” che non si compie compiendosi

    Mi piace

  9. annitapoz ha detto:

    Profonda come il mare ed altrettanto bella questa tua creatura (se la chiamassi poesia mi parrebbe quasi di sminuirne il valore). Un caro saluto, Annita

    Mi piace

  10. carmen ha detto:

    “è la promessa a sostenerla a galla
    le dissero in segreto che la via
    per ritornare è ancora e sempre andare”

    magnifica-mente!
    BBcar

    Mi piace

  11. carmen ha detto:

    Ti regalo questo omaggio, Cristina:http://www.youtube.com/watch?v=COGcCBJAC6I
    Se lo conosci già non è che una piacevolissima ripetizione di un ascolto da cui si comprende chiaramente il concetto di bellezza assoluta. Sono certa che ne converrai.
    Ciao
    car

    Mi piace

  12. Pingback: Futuro primordiale | miglieruolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...