Quali giorni avremo

incamminati verso barricate
inermi
mentre ci sfilano davanti simulacri e pupazzi
quanto ne avremo ancora, fiato
e voglia di serate dai profumi dolci
noi che la vita ci presenta il conto di favole imbelli
di primedonne morte in piedi
che predicano il senso della vita
e non sanno che il sonno è traditore

quali giorni avremo
se le sante ubriache danno il colpo di grazia
e ai maschi bellicosi fanno l’eco
e se nel discettare s’infarina
un fritto misto tesoretto canto frottola e verso
un pollice di troppo a quei signori.
Ora tacete, bocche di nullità: tacete nel letame
che amate e che vi nutre
ma non sarete, mai sarete, rose.

Che ne sarà di noi che seriamente
andiamo spersi e arresi ai dubbi
le caramelle andate di traverso e ancora vivi
ci perdoniamo i morti?

.
.
.

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie, poesie della disperazione. Contrassegna il permalink.

11 risposte a Quali giorni avremo

  1. non so quali giorni avremo.
    non so.
    non mi rassegno, però.
    ho scelto il ‘micro’ come dimensione del vivere e del fare, perché lì, almeno lì, una idea ha ancora spazio e trova gambe per camminare.
    le barricate più terribili sono quelle dell’indifferenza.
    tu le superi ogni giorno, amica cara.
    z

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      cara Zena, ci stanno togliendo anche la speranza, e sono lì che pontificano abbigliati come delle caricature.
      E sì, è proprio l’indifferenza che mi indigna, il continuare a trastullarsi con le meschinerie di belletti e balletti, mentre la povertà sta dilagando. E i diritti dei deboli spudoratamente negati.

      Mi piace

  2. massimobotturi ha detto:

    avremo giorni in cui far sentire la voce più alta di chi la spreca in sciocchezze

    Mi piace

  3. frantzisca ha detto:

    loro non lo saranno, forse saremo noi le rose, forse lo siamo già…

    Mi piace

  4. cristina bove ha detto:

    Grazie di cuore a tutti i “mi piace”

    Mi piace

  5. domenica luise ha detto:

    Quei tre punti finali sono significativi, per me vogliono dire: ho espresso chiaramente tutto quello che avevo da dire, punto clou: “ora tacete, bocche di nullità, tacete nel letame che amate e che vi nutre, ma non sarete, mai sarete rose”. Ecco il tuo punto, anzi tre punti, tanto per confermare.
    Bella poesia, Cristina, tutte le tue poesie hanno un livello costante e valido, che talora esplode in fuochi d’artificio di parole.

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      non sono punti determinanti, Mimma, ma mi fa piacere che a te abbiano suggerito queste riflessioni.
      purtroppo quelle bocche non si chiuderanno, non c’è dietro una saggezza tale che le faccia tacere.
      grazie per gli apprezzamenti al mio “pirotecnico” poetare

      Mi piace

  6. guido mura ha detto:

    Non saranno mai rose, Cristina, ma forse non vogliono neanche esserlo. Loro le rose vogliono soltanto coglierle e, quando ne hanno voglia, divorarle, dato che sono commestibili. Non se ne viene fuori, se quelle rose non diventeranno velenose e irte di aculei.

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      dici bene, Guido, bisogna difendersi con gli aculei verso chi non ha saputo apprezzare il nettare donato, non solo, farebbe carte false per reciderti.
      dimenticano il vero saper donare senza nulla chiedere in cambio, offerto nei momenti bui…
      spesso hanno la “sindrome di Genoveffa” …

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...