Come le saxifraghe

Saxifraga_aizoides

Quando le soglie delle case
stanno per sgretolarsi
e sui gradini
il cuore denso
le facce degli astanti
che poi saremmo sempre noi
ci ricordano muri di confine

tra le crepe
sfuggiti al torto e alle rovine
minuscoli furori __noi
che ci adattiamo al gelo.

           

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie. Contrassegna il permalink.

17 risposte a Come le saxifraghe

  1. carmen ha detto:

    sì, resistenti al gelo, a ogni tipo di gelo…
    bellissime le immagini che hai proposto, e il video, i fiori sono una bellezza a prescindere…
    Buon Natale “caldo caldo del mio affetto”
    car

    Mi piace

  2. domenica luise ha detto:

    È vero, siamo noi, “minuscoli furori”: più forti dei sassi dove viviamo, del freddo che sempre ci circonda e di ogni delusione. Le ferite rimarginano e, in quelle crepe, rinascono nuove saxifraghe.

    Mi piace

  3. graziagardenia ha detto:

    Proprio così, Cristina, e per riscaldarci stringiamoci in un tenero abbraccio, come una cordata d’amore.
    Con affetto.
    grazia

    Mi piace

  4. robertomeister ha detto:

    Ciao cristina… ti faccio i miei auguri di ore serene e di un buon tempo…

    Roberto

    Mi piace

  5. marzia ha detto:

    Metafora eccellente, Cristina..
    Che sia buona e molto la tua festa 🙂

    Mi piace

  6. massimobotturi ha detto:

    forti di quei valori che nessuno ci può togliere

    auguri Cristina, un abbraccio

    Mi piace

  7. annamaria49 ha detto:

    Ci adattiamo perché la vita continua e le passate esperienze ci hanno fortificato. Bellissime metafore in questa elegante poesia.
    Ti auguro un buon Natale, carissima Cristina, con l’auspicio che la luce della speranza in un mondo migliore non abbandoni i cuori.
    con affetto
    annamaria

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      proprio così, Annamaria, le esperienze sgradevoli ci fortificano.
      anche l’ingratitudine di chi ha ricevuto da noi un dono spontaneo, e ci ricambia con la derisione e la mancanza di rispetto.
      spero anch’io in un mondo migliore, fatto di comprensione e libertà.
      con altrettanto affetto
      cri

      Mi piace

  8. aitanblog ha detto:

    Allegoricamente bella (fino ad oggi pensavo che le saxifraghe fossero una specie di setta luddista intenta a distruggere sassofoni).

    Mi piace

  9. cristina bove ha detto:

    hahaha… Aitan!
    una setta reazionaria e saxoclastica?…

    Mi piace

  10. tempodiverso ha detto:

    “minuscoli furori che ci adattiamo al gelo”
    una bella immagine di tenacia

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.