Di luci e sottofondi

lampada riflessa 3

Era una casa d’ancoraggio
dai vetri si specchiavano nel mirto
le lampade d’inverno
una veste da viaggio ricopriva
le mie spalle di notte

la voce ripeteva sempre le stesse frasi
alcune asciutte cadevano dagli occhi
quasi fossero spine a fare un pianto.
Mi tallonava con le sue cadenze

io l’ascoltavo quella voce amara
e mi stringevo al petto
la ragazza sconfitta
la dissuadevo dal tornare ancora
ma ogni volta
__per salvarsi la vita__ mi uccideva.

        

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie. Contrassegna il permalink.

8 risposte a Di luci e sottofondi

  1. carmen ha detto:

    No, no, non per salvarsi la vita ti uccideva, ma per essere accolta, accettata per quello che è stata, ti corteggiava, chiedeva la tua bontà di saperla considerare con la saggezza che ti riconosce. Ha ancora dentro di sé un senso di colpa per averti fatto soffrire, vuole il tuo perdono, vuole essere compresa ed è per questo che continua a cercarti… non per ucciderti, no, no!
    Mi hai fatto sobbalzare, ma poi mi sono detta che no, non viene mai per ucciderti, viene per consolarti e farsi consolare.
    Mannaggia, come mi fai piangere!!!
    Un abbraccione doppio, triplo, milluplo!
    car

    Mi piace

  2. domenica luise ha detto:

    La ragazza non è poi effettivamente sconfitta se è capace di “tornare ancora” malgrado il buio, quella veste da viaggio perennemente sulle spalle e l’altra se stessa, ormai non più giovane e illusa, che tenta di ricacciarla in fondo. Ritornerà sempre e si salverà la vita, fosse soltanto per poetare sarebbe motivazione più che sufficiente.

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      la ragazza tenta più di una sortita, il difficile è allontanarla senza farle male.
      se ne fa già abbastanza da sola.
      non so se smetterà di ritornare… so soltanto che ogni volta diventa più difficile convincerla ad andare.
      Certo, per fortuna c’è la sua vena lirica a dar vita ancora allo scambio…
      grazie

      Mi piace

  3. Anna Maria Curci ha detto:

    al bivio tra intrecciare frasi asciutte
    e tendere le mani alla ragazza
    arti moltiplicar vorrei, t’abbraccio

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.