30 Dicembre 1962

50243_trinita_dei_monti_roma

Quell’inverno di sole impallidito
quasi una luna diurna
pioveva sul sagrato e noi

Venivamo da quella scalinata
due ragazzi seduti a dirsi un libro
non sapevamo che sarebbe giunto
un giorno silenzioso e scompagnato
Sconfinammo
tenendoci per mano
:quanti colori c’erano a Tozeur
fasce di cielo sulle case bianche
ad Hammamet
ci spuntava la vita da ogni dove

niente che ci fermasse.

E siamo adesso in questa strana casa
incorniciati già dentro una foto.

C’innaffiano la sera
dimenticanze e fiori

   

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie. Contrassegna il permalink.

15 risposte a 30 Dicembre 1962

  1. domenica luise ha detto:

    Lirica intensamente amorosa, di parole interrotte e consapevoli. La casa è “strana”, straniera al ricordo, che predomina coi suoi sapori di vita e di vittoria. I due versi conclusivi sono terribili e dolcissimi: dimenticanze e fiori ad innaffiare un tempo talmente lontano, ormai.

    Mi piace

  2. aitanblog ha detto:

    Quanta struggente malinconia in queste parole, Cri, e quanto amore!

    Mi piace

  3. carmen ha detto:

    Lirica struggente e appassionata, velata da malinconici ricordi che fanno apparire il presente silenzioso e scompagnato.
    Ma esserci, Cris., quanto conta!!!
    Buon dì, penultimo, ultimo e poi ricominciamo… TVB.
    Car

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      Car, spesso mi sorprendo a fare un consuntivo del mio vissuto.
      a volte mi appare un’altra me che sembra essere passata indenne tra le fiamme…
      altre volte mi sorprendo a pensare: ma come ce l’ho fatta?
      grazie degli auguri, cara amica, li ricambio con tutto il cuore. TBV
      cri

      Mi piace

  4. lallaerre ha detto:

    Ti ho vista: giovanissima e piena di luce! come anche oggi la tua anima…
    Ciao Cristina, auguri infiniti!

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      cara Lu, sembra quasi impossibille che tra quella ventenne spaesata ma decisa a vivere, e questa signora dai capelli bianchi, siano interscorsi cinquant’anni…
      questa vita ancora mi sorprende, malgrado la stanchezza.
      grazie e infiniti auguri anche a te
      cri

      Mi piace

  5. maat ha detto:

    dall’alto della gradinata
    un settembre colorato di “giallo”:
    la ragazza leggeva “Niente orchidee per miss Blandish”
    il ragazzo disse: adesso ti dico chi è l’assassino.
    “non ci provare” disse lei.

    poi partirono insieme per un viaggio durato fino ad oggi
    e chissà…

    Mi piace

  6. Bella, commovente, dolcissimamente malinconica.

    Ciao, Cristina (eri carinissima su quella scalinata…)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.