Alla periferia di noi

tende d'inverno - by criBo

si gira al largo
si eludono esistenze provvisorie
fascinazioni vive
_ma non si può prescindere dai fatti_
le parole affollavano la bocca
di confidenze mute
         ci si guardava a parte
         d’altro che brucia gli occhi

si mira al centro
nell’avanzare rasentando amori
_la luna passa sotto le transenne_
s’onorano consegne:
mai confrontare scarti temporali
mai contrattare giorni del futuro.
         Non si teme la morte né il presente
         ma solo l’ombra e la dimenticanza

                         

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

13 risposte a Alla periferia di noi

  1. domenica luise ha detto:

    E mi chiedo perché si tema tanto “l’ombra e la dimenticanza”. Abbiamo già tolto parecchi orpelli decorativi che appesantivano il volo, tu vi accenni in maniera segreta così come oscuri sono gli stati d’animo. E allora perché non vogliamo andarcene del tutto e ci teniamo tanto a lasciare un’orma in questa palude assorbente? Alla periferia di noi c’è il balzo definitivo? E al centro, dove “si mira”, cos’è rimasto? Bella poesia di domande senza risposta.

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      sentiamo il bisogno di essere riconosciuti, visti, e solo in questo rusciamo a cogliere noi stessi.
      dovremmo solo imparare a non lasciarci più trattenere dalle illusioni, a non aspettarci più di quanto ci possano dare, in sguardi e altro, gli altri esseri che come noi hanno uguale necessità di essere “visti”.
      alla periferia di noi c’è quanto si va allontanando sempre più…
      il centro è da guadagnare per esserne risucchiati e implodere, e, quali nane bianche, dall’antimateria rinascere… forse…

      Mi piace

  2. carmen ha detto:

    Come si fa a scrivere poesie così profonde?
    Oggi mi hai letteralmente lasciata di stucco!
    Questa è una poesia amara, ma l’espressione così leggiadramente poetica smorza l’amarezza, perché ci si concentra sulle immagini e si rimane affascinati.
    E così, non ci potrà essere alcuna mira al centro, alcuna implosione.
    Io vedo semmai un’esplosione di vita.
    In questi versi così asciutti, densi e visivi, io vedo soltanto la Vita (con la V maiuscola, cioè la Vera Vita)
    Oh, carissima Cristina, sei un’artista semplicemente (sic!)… geniale.
    Ciao, ti mando un po’ di buonumore, colorato di amar_anto, e con la dolcezza di un sorriso genuino, come sono i tuoi versi.
    Car

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      M sembra, Car, quasi che non le scriva io, mi sembra d’essere soltanto testimone di un farsi degli eventi, e che tutte le emozioni vissute dagli esseri umani affollino i miei pensieri per essere manifestati in questa forma.
      Penso davvero che non ci sia merito nel libero fluire di questa forza arcana che ci fa sentire tutti appartenenti a una realtà più vasta, che obbliga ad esprimersi con la parola, la rappresentazione, il suono… e che ci fa incontrare sulla stessa strada, anime viandanti, affascinate dal mistero.
      Grazie, carissima, della tua presenza, del tuo leggermi oltre.
      Buona giornata

      cri

      Mi piace

  3. aitanblog ha detto:

    Sarà che ci illudiamo di persistere nei ricordi…, sarà che in noi permangono i ricordi di tanti che non sono più qua con noi…

    Mi piace

  4. annamaria49 ha detto:

    Bellissima poesia dal significato profondo, come tutte le tue. Cara Cristina la tua classe metaforica va oltre l’interpretazione e ogni poesia è un gioiello da custodire.
    un bacio e buon tutto.
    annamaria

    Mi piace

  5. graziagardenia ha detto:

    S’ “contrattare giorni del futuro ” sarebbe uno squallore che non t’appartiene, nello stesso modo in cui non rischi “l’ombra. e la dimenticanza” perché l’Artista vola alto nel mondo della Poesia e il suo talento resta per consolazione di chi sa amare questo purificante prodigio. C’è in te una gioiosa malinconia che mi contagia e affratella al tuo pensiero, come se camminassimo accanto, scambiandoci “confidenze mute” che non hanno bisogno di parole dette.
    Abbraccio del mattino.
    grazia

    Mi piace

  6. cristina bove ha detto:

    ho avuto la tentazione, cara Grazia, di proiettare desideri in un futuro incerto. Mi sono fermata in tempo, in questo tempo, e ho capito che soltanto nell’essere qui e ora risiede la nostra esistenza.
    la “gioiosa malinconia” è un’espressione bellissima che terrò sempre a mente, e so anche che ci affratella. La condividiamo, ne siamo testimoni e forse anche artefici, ma l’importante è che ci renda partecipi, da non sentirci troppo soli…
    un abbraccio serotino
    a presto

    cri

    Mi piace

  7. Pingback: Alla periferia di noi di Cristina Bove | miglieruolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...