La funzione del tetto

tetto - by criBo

sulla testa
piccolo come un casco da motociclista
ne resta fuori il sole _a volte_
soprattutto la pioggia s’incanala
oltre che sopra l’edera
nello sgocciolatoio di quattro piani

e sono una grondaia
avvezza al ticchettio _di scivolata_
sento l’intermittenza della vita: l’uomo
che ad ogni fulmine sparisce
che torna quando fuggono gli allori
quando l’umana debolezza espone al dire
e ne convoglia l’acqua
in un ultimo sbuffo di vapore

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a La funzione del tetto

  1. carmen ha detto:

    Molto triste questa poesia! ma… di quell’intermittenza prenderei solo il ritorno, anche se nel mezzo c’è un’attesa più o meno lunga più o meno carica di speranza o di niente.
    Bacio.car.
    PS: a volte noto delle strane coincidenze, chissà se anche in questo si cela un senso a noi indecifrabile!!!

    Mi piace

  2. domenica luise ha detto:

    Sì, è una poesia triste, più che altro cosciente che in fondo il tetto sulla nostra testa è solo un piccolo casco che poco ci difende, anzi chiude stringendo. Tutti vogliamo un tetto “sicuro”, la casa, la poesia, un amore, ma ogni cosa ci beffa, cambia, il sogno si autoconsuma “in un ultimo sbuffo di vapore”.
    Ma è come se la tua protesta, qui dentro, gettasse piccole radici di possibilità sia pure oscure.

    Mi piace

  3. wordinprogress ha detto:

    in un certo senso apponggiandomi su quesi versi direi che siamo tutti un po’ grondaia, quel che cambia è il vapore

    Mi piace

  4. annamaria49 ha detto:

    Il tetto rappresenta la sicurezza, molto importante per un essere umano. Essere grondaia, ossia avere l’opportunità di poter far scivolare gli eventi a volte così tragici. Poesia triste, ma bellissima e reale: la vita è in fondo proprio questa, difficile, degna comunque di esistere.
    Ti lascio un abbraccio.
    annamaria

    Mi piace

  5. Piera ha detto:

    “…e sono una grondaia
    avvezza al ticchettio _di scivolata_
    sento l’intermittenza della vita…”

    Versi che fanno riflettere e ci ricordano, se ce ne fosse bisogno, tutta la precarietà dell’esistenza.
    Un caro saluto.

    Piera

    Mi piace

  6. cristina bove ha detto:

    grazie della vostra presenza, cari amici.
    scusatemi la laconicità.
    vi do la buonanotte
    a domani
    cri

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...