Ed è quasi respiro

tra nuvole - by criBo

 

Siete tutti qui _vi sento_
mi raccogliete come sono, piccola
con una luce dentro che mi spia
però mi suona anche
e voi presenze
che di bellezza m’avvolgete
e non lo merito:
so che la trasparenza mostra segni
del mio appassito malamore
i punti da discutere son tanti _sono umana_
e ricuso ogni maschera divina
ogni orpello votivo
son sposa di nessuno
solo figlia
fiorita fuori tempo
germoglio d’universo
in moti rivoluzionari, pianeta appena nato
d’una costellazione sconosciuta
e non rivendico posti da prediletta
ovunque mi spargiate
con la vostra sete di me
lo so
oscuramente ma lo so
che sarò finalmente libera
quando m’incatenerete al vostro abbraccio
quando m’accorgerò ch’è già per sempre.

             

 

 

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

31 risposte a Ed è quasi respiro

  1. domenica luise ha detto:

    È una poesia azzurra come l’immagine che la rappresenta. C’è amore fraterno della goccia resa limpida dai suoi passaggi attraverso tutti gli strati del terreno: si vede bella, pronta all’abbraccio con altre gocce sue simili e all’universo. Ricchezza di contenuti ed eleganza naturale di forma rendono particolarmente bella questa poesia.

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      se solo sapessi in quale stato l’ho scritta!
      nessuna eleganza nel mio “ascoltare” , soltanto un lasciarmi abbracciare dalle presenze che ormai da tanto accompagnano i miei momenti neri… è grazie alla loro amorevole assistenza che sopravvivo e scrivo, commossa io per prima di tanto dono.

      Mi piace

  2. carmen ha detto:

    Mi hai fatto piangere, io non voglio abbracciarti per sempre, io voglio abbracciarti un pochino ogni giorno.
    bbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbb
    car

    Mi piace

  3. marzia ha detto:

    Cristina, ti avverto malinconica e me ne spiace..sembra l’addio di una voce che vuol dileguarsi..o che vola già in altri mondi migliori…

    Mi piace

  4. lallaerre ha detto:

    Sono bellissime le tue immagini, Cristina, piccola-grande stella dell’universo, ma la nostra “libertà” è qui, nei limiti del quadro dove possiamo dipingere stelle e universi, anche se a volte ci sembrano troppo stretti: è qui che ci conosciamo e ci ri-conosciamo… mi associo al desiderio di Carmen di abbracciarsi un pochino tutti i giorni!

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      carissima, sai che mi sorprendo ogni volta che qualcuno si riferisce a me come “grande”… lo sai, perché in realtà io mi sento minuscola, una lucina di fiammifero.
      ma se illumina anche solo un passo, a cominciare dal mio, ne sono felice.
      anche per te l’abbraccio assiduo, e che ogni giorno ne porti traccia.
      a presto.

      Mi piace

      • miglieruolo ha detto:

        Macché grande! Un piccolo essere umano che utilizza le doti che le sono state donate per penetrare in territori che potrebbero essere di tutti, ma nei quali noi che decidiamo di essere ancora più piccoli di lei (ma che stupidi) riusciamo appena a affacciarci.
        Grazie dei panorama di bellezza che apri per noi.

        Mi piace

  5. albafucens ha detto:

    parole e immagini che si intersecano tra i dolori, fondono e armonizzano formando una meravigliosa empatia, bella tutta, mi piace particolarmente però… “con una luce dentro che mi spia”, un po’ come guardarsi senza essere guardati.

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      che piacere rivederti, alba!
      mi fai notare quel verso, cui non avevo prestato molta attenzione, e, sì, quella è l’unica fonte di vera vita, il quid (forse sarebbe meglio il led) di cui siamo portatori tutti, benché a volte inconsapevoli…

      Mi piace

  6. frantzisca ha detto:

    versi di un’intensità “incontenibile” ed il tuo titolo si rovescia, per me, nella mancanza di respiro nel leggerti, ché l’emozione è talmente travolgente da togliermi tutto il fiato…piccola? tu sei un intero sistema stellare, rosso gigante+ nana bianca = nova.
    un bacio

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      carissima Fran, sapevo che avresti capito tutto!…
      e sapevo anche che avresti provato la stessa intensa commozione che ho provato io nello scriverla.
      sorrido: prima di diventare una nova, la nana bianca dovrà implodere…
      ecco, adesso capisco cosa sta accadendo
      un abbraccio cosmico.

      Mi piace

  7. Pingback: Ed è quasi respiro | Annitapoz's Weblog

  8. massimobotturi ha detto:

    sei umana, non lo fossi non sarei qui

    Mi piace

  9. ioviracconto ha detto:

    Nessuno con tanta grazia e dolcezza è riuscito a descrivere queste “presenze” virtuali che ci nutrono e ci spargono.
    Tu che hai poesia dentro ci sei riuscita.
    Ciao.

    Mi piace

  10. Piera ha detto:

    Cara Cristina, questo tuo “affacciarti” con discrezione e delicatezza su mondi sconosciuti mi colpisce sempre. Nelle tue poesie quel che è complesso e misterioso sembra semplificarsi e diventare un percorso quasi agevole. Almeno per te. Versi belli e densi.
    Buona giornata.
    Piera

    Mi piace

  11. miglieruolo ha detto:

    commovente
    un’altra poesia migliore di tutte…

    Mi piace

  12. Pingback: Ed è quasi respiro di Cristina Bove | miglieruolo

  13. tramedipensieri ha detto:

    Spendida!

    altre parole non ho…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.