Doveva essere solo mia (ma non c’è salvezza nel tacere)

pozzo - by criBo

in un buio che non avrei saputo scavalcare
in un pozzo senza sguardo
in un assedio di roccia circolare
il vero muro erano gli occhi
senza veli di palpebre
_l’umanità fuggita via_
Qualcosa torna alla memoria
però di stralcio infastidito
eraso da quel volo
il tonfo solo
restato a puntopagina di vita
e
forse non c’ero
non c’ero

ché diventavo il grumo
irraggiungibile
ovunque fossi ancora

vorrei potermi vivere leggera
salvata dagli amori sopraggiunti
privilegiata d’esserci

se solo mi sapessi tra i viventi
liscia di pioggia e fuori dalle mura
_inerme come sono_

E cerco mani
foglie gentili appigli
in un romanzo scritto a mia insaputa
mani che sappiano firmare
lievi
nome e cognome e la parola
FINE

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie, poesie della disperazione e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

17 risposte a Doveva essere solo mia (ma non c’è salvezza nel tacere)

  1. ventisqueras ha detto:

    è con tristezza che sfoglio nelle tue tragiche metafore, l’ortica di quello che non si dovrebbe mai sentire e che ogni giorno annebbia la vista
    bellissima
    buongiorno

    Mi piace

  2. carmen ha detto:

    Brividi che percorrono il corpo mentre leggo e rileggo!
    Fai bene a scriverne, a mettere fuori il dolore e guardarlo in faccia, così, per potergli dire: “”io ci sono e sono questa! sono poesia di vita!””
    Sì, la tua Poesia sei tu, tu carissima amica per sempre!
    E come non vedere e non sentire la profondità di questi versi che provengono direttamente da quel buio, da quel pozzo e che affiorano come resti di memoria indistruttibili, e si presentano all’improvviso proprio per non essere dimenticati.!
    Il loro valore sta in questo nuovo sguardo poetico, certamente.
    buon week end,
    car

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      Car, a volte mi sento come se fossi fatta ad anelli, dal centro del pensiero a espandersi… è quasi una consapevolezza d’infinito.

      il cambiamento è dato dalla percezione sempre diversa dei ricordi che affiorano, cui si aggiunge una nuova, insopprimibile voglia di libertà, dopo tanto silenzio…
      grazie, carissma
      buon week end anche a te
      cri

      Mi piace

  3. tramedipensieri ha detto:

    …e cerco mani foglie gentili appigli…

    Straordinaria nella sua tristezza…complimenti sempre Cristina
    buona giornata
    .marta

    Mi piace

  4. Amina Narimi ha detto:

    In apnea a leggerti, in debito d’ossigeno Ti stringo forte Sei Grande Cristina

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      no, no… respira, Amina!
      un bacio
      grazie

      Mi piace

      • Amina Narimi ha detto:

        :)…
        torno torno la mente gira
        nel suo amore siderale
        nel punto più vicino va così veloce
        che si fa danza e canto la gravità
        l’Anomalia Vera sull’orbita del tempo
        quando ti inclini a sera
        fino ad accecare di muscoli la notte
        nel solstizio quotidiano

        Altre
        giacendo sullo stesso piano, piangiamo
        sopra il Nostro mantello fluido, e il vento
        solare ci asciuga
        Ma ci sono luoghi e fianchi piccoli
        rifugi scavati attorno
        dove quel Vento non può entrare,
        lì si nasconde il vento stellare
        e quelle Navette che si muovono
        come minuscoli Pastori
        dall’uno all’ altro corpo, come satelliti
        frammenti di pelle distrutti da un impatto
        e qualche iperione tra le dita a fare rotta
        tra le tempie e il cuore

        Mi piace

  5. cristina bove ha detto:

    “…Ma ci sono luoghi e fianchi piccoli
    rifugi scavati attorno
    dove quel Vento non può entrare,
    lì si nasconde il vento stellare…”

    Mi piace

  6. cristina bove ha detto:

    grazie a tutti i “mi piace”

    Mi piace

  7. annamaria49 ha detto:

    E’ una poesia che lascia senza fiato, è bellissima. Ogni parola è sprecata, sarebbe come rovinare una meraviglia.
    Bravissima!
    Un abbraccio affettuoso
    annamaria

    Mi piace

  8. Blumy ha detto:

    eccola! amara eppure limpida e con un linguaggio che mi arriva dritto e comprensibile. lo prendo con me, così come prendo tutto il testo e quello che drammaticamente racconta, che mi somiglia molto. ciao, Cri.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...