Mai dire ali *

isola 1 - by criBo

                       
quanto peso, le piume e i catrami
e gli scogli affiorati improvvisi
non c’era ieri
non
uno squillo d’acqua

e nemmeno tamburi a dire festa
parevano le funi
trecce di donne consumate

mai dire cuore
è parola oggi invisa (anche invisa lo è)
dunque
diciamo di quei morsi
al silicone dei coperchi
alle maniglie incistate nelle porte
e dunque ancora
ai versi riversi insovversivi
anzi
posatoi per uccellini carini
di trilli e trine ini ini

e chi vuol fare poesia tosta
e crede basti andare a virgola
o dire propedeutico
oh!

Mia decisa incorrotta condotta
falangette in fila
adunche sulle rime rubate
a leggere e ghermirti anche il respiro
oh!

Vado con dio
come si dice a… non ricordo
ovunque
mi suggerisce il bradipo che vive
sotto il cassetto dei colori
cifrando nomi
in alfabeti ignoti

*(Agosto 2010 – blog splinder)

.

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, io bloggo, poesie, riproposte e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

21 risposte a Mai dire ali *

  1. carla ha detto:

    non è tanto la parola, la potenza
    ma l’evocazione che essa ci rimanda
    e questo è un bene per chi non ha più ali…

    un buon ferragosto mia cara!
    c.

    Mi piace

  2. francocanavesio ha detto:

    Bellissima!

    Mi piace

  3. massimobotturi ha detto:

    le tue poesie sono dipinti stratificati, integri alle scalfitture

    Mi piace

  4. fattorina1 ha detto:

    Apprezzo e ammiro l’originalità delle tue visioni; si sente che sei artista anche dello sguardo.Il tuo sguardo vede e trasforma, evoca inconsuete immagini che si percepiscono frutto della visione prima che dell’intelligenza.
    Narda

    Mi piace

  5. cristina bove ha detto:

    un grazie di cuore a tutti i “mi piace”!

    Mi piace

  6. poetella ha detto:

    Oh!
    e ancora Oh!

    Mi piace

  7. fernirosso ha detto:

    perchè di terra sei fatta e la terra senti forte e viva,netta in te, precisa con tutte le sue chiavi di volta.Non c’è tremore ma furia in te che senti il guasto dello sguardo degli altri, tutti quelli che dietro una cisti vedono solo l’ingorda forma di ogni cosa e di quella si nutrono senza sapere che è loro il veleno che mangiano. Come sempre chiara, forte, una visionarietà che dice l’allerta, lo stare di guardia.

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      non c’è alcun dubbio che mi guardi dentro, che leggi terra e vita e sangue e rose… quella furia anche tu conosci, e il marcio che riesce a deformare sentimenti e qualunque altra espressione connessa.
      “è loro il veleno che mangiano”
      sì, credo proprio che sia soltanto loro e che ne siano intossicati fino al midollo.
      stiamo in guardia!

      Mi piace

  8. tramedipensieri ha detto:

    Io, dopo questi commenti non so che dire….ti abbraccio va bene?
    ciao Cristina

    .marta

    Mi piace

  9. ludmillarte ha detto:

    Cristina, leggerti lascia il segno ed apre alla speranza nella consapevolezza non solo della tosta poesia. le nostre trecce sono bianche o imbiancheranno, ma non riusciranno a consumarle chè non ci riesce quasi neanche il tempo. pur scandendo ogni virgola. un abbraccio

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      Ludmilla, la nostra consapevolezza, per quanto limitata, ci fa essere in sintonia con le cose,
      il passare del tempo ci veste in maniera diversa, ma lo spirito rimane forte e fiero di sfidarlo, e in qualche maniera di piegarlo al nostro sentire.
      grazie
      ti abbraccio

      Mi piace

  10. gelsobianco ha detto:

    Da te si respira poesia vera!
    La tua originalità è autentica!
    Non si avverte il comporre la costruzione “diversa”, voluta a tutti i costi, che, purtroppo, è presente, in molti blog di poesia.
    Qui, da te le tue visioni hanno lo spessore di dipinti anche.
    E tu, pur invecchiando, come tutti noi, sfidi il tempo.

    Bellissima poesia.
    Ti abbraccio
    gb
    Mi piace moltissimo la musica da te scelta.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...