E si affacciò

finestra sul cielo - by criBo

col viso dei suoi anni e il cuore adolescente
disse di sé tutto il possibile _era tanto_
sopravvisse
a chi ne raccoglieva solo un gesto.

Mi racconta di sé
dello specchio sformato e riduttore
che ne cancella la parola e che
se fosse almeno grandine d’estate
di biancore
luccicherebbe terre inaridite

Mi racconta di sé
ma non sono abbastanza confortante
lei mi sorride un attimo _si volta_
poi se ne va togliendosi le scarpe

lascia un silenzio lieve sulla porta.

                     

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

22 risposte a E si affacciò

  1. lallaerre ha detto:

    Che riguardi un dialogo tutto interiore o l’ascolto di un Altro, si percepisce una grande delicatezza e umanità. Toccante la chiusa: “poi se ne va togliendosi le scarpe / lascia un silenzio lieve sulla porta”.
    Ciao Cristina, ti auguro di passare una giornata serena.
    lu

    Mi piace

  2. fattorina1 ha detto:

    Quanto dice di te e in quale modo…, delicato, lieve, soffuso, rispettoso del tuo dolore e delle gioie.
    Hai tratto una bellissima poesia come auspicio soprattutto. Il mio augurio è che si avveri.
    n

    Mi piace

  3. massimobotturi ha detto:

    è il cuore adolescente la salvezza

    Mi piace

  4. gelsobianco ha detto:

    Oh, Cri, ci sei tu “col viso dei suoi anni e il cuore adolescente” con tutta la tua colma umanità, la tua delicatezza, il tuo sorriso lieve, il tuo essere vera.
    Che bella poesia!
    La sto leggendo e rileggendo, “dicendola”.
    E questa musica splendida suonata dal grandissimo Arrau!
    Buon ferragosto, Cri.
    Ti ricordo con tanto affetto.
    gb

    Mi piace

  5. cristina bove ha detto:

    grazie a tutti i “mipiace”
    cri

    Mi piace

  6. cara Cristina, un abbraccio alla levità delle tue parole che sanno dire senza spiegare, mantenendo intatto tutto il loro pudore.
    con affetto grande,
    zena

    Mi piace

  7. Vincenzo Errico ha detto:

    “mi sorride un attimo _si volta_/poi se ne va togliendosi le scarpe/lascia un silenzio lieve sulla porta.” Bella tutta la poesia Cristina, ma la sintesi che chiude è straordinaria per levità di immagine e parola.

    Mi piace

  8. lucypestifera ha detto:

    quando io incontra me succede un po’ la stessa cosa. non so darle conforto: ma lei conforta me [se non ho stracapito]. grazie per la leggerezza dei toni!

    Mi piace

  9. fernirosso ha detto:

    e fu giorno e fu notte entrambi sostanza dello stesso corpo
    entrambi vicini e tutti e due lontani in moltiplicazioni di impronte
    come forme i suoni che accanto dicono e ancora si cancellano
    lasciando vuoto il tempo di uno spazio
    giusto tra due tratti
    del medesimo volto.
    Bellissima,grazie Cristina. f

    Mi piace

  10. Blumy ha detto:

    questa sei tu, Cri, ma – concedimelo – mi sono ‘vista’ anch’io in questi versi, oh, se mi sono vista !

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...