Di messe a fuoco e di feline amenità

gatto di notte - by criBo

rimpiccioliva fino a sparizione
il punto
il gesto dileguava nelle onde
dicevano che fosse una follia
(per i mediocri il sogno
è l’autarchia di chi si dorme in proprio)

per quanto l’apparenza lo sconfessi
per quanto il corpo navighi per mari
di leggi ottuse e codici morali
_mentre la terra gira senza approdi_
un uomo è soprattutto il suo pensiero

i cervelli di carta ignorano sé stessi
perfino un gatto ne sa più di loro
son sicura
sognano i gatti, tra tegole e grondaie
forse di serenate sopra i tetti
senza regole imposte e pregiudizi
infatti un giorno
che m’affacciai a me stessa blu e bellissima
dissero d’aver visto una sirena
nuotare alla finestra
come in un quadro di Chagall

“Ti sei guardata bene?” chiese l’uomo

“Certo che sì -risposi-
sei tu che osservi con gli occhiali spenti”.

                       

                              

  

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

35 risposte a Di messe a fuoco e di feline amenità

  1. Pier ha detto:

    “Sei tu che osservi ad occhi spenti”

    Hai detto tutto con sta frase! Splendido!!

    Buongiorno by Pier

    Mi piace

  2. lallaerre ha detto:

    … (per i mediocri il sogno
    è l’autarchia di chi si dorme in proprio)…

    lo metti tra parentesi quasi volessi dirlo sottovoce, mentre la tracotanza cieca dei “cervelli di carta” fa la voce grossa e non si accorge delle sirene.
    Ciao Cri, buona giornata

    lu

    Piace a 1 persona

  3. tramedipensieri ha detto:

    Con occhi ed occhiali spenti…non c’è speranza.

    buongiorno Cri
    .marta

    Mi piace

  4. Stefano Re ha detto:

    E’ bellissima Cri.
    Direi forse una delle tue ultime più riuscite.
    Stefano

    Mi piace

  5. albardili ha detto:

    Il tra parentesi nella prima strofa, quasi a passare inosservato, è davvero fantastico e, purtroppo, più che mai attuale; integra significato e bellezza del componimento tutto. Grazie. Buona giornata.

    Mi piace

  6. mariella tafuto ha detto:

    chi non vede non va lasciato al buio: il braille della tua bella è efficacissimo.

    Mi piace

  7. francocanavesio ha detto:

    ” infatti un giorno
    che m’affacciai a me stessa blu e bellissima
    dissero d’aver visto una sirena
    nuotare alla finestra
    come in un quadro di Chagall ”

    Quest’ immagine la inquadro e l’appendo, magari a una nuvola.

    Mi piace

  8. Ci sono poesie risolte e necessarie che acchiappano subito e ti fanno sentire dalla parte del poeta. Questa, cara Cris, è una di quelle, per me.
    (“Occhiali spenti”, senza dubbio, due volte cieco!)

    Mi piace

  9. Carla ha detto:

    è veramente un canto speciale, una lode al gatto ma anche alla preziosità e unicità del pensiero
    *un uomo è soprattutto il suo pensiero*

    la musicalità degli endecasillabi è maestrale!

    un abbraccio e un saluto caldissimi!
    🙂

    Mi piace

  10. fattorina1 ha detto:

    Peccato che oggi prendano piede e possesso quei mali che spengono i pensieri; “cogito ergo sum” : a chi sarà lasciata questa verità? Per ora felicitiamoci di essere trame di pensieri e di non avere gli occhi spenti, di cogliere la magnifica istantanea di un gatto bianco contro i tetti neri della sera e di appendere sirene alle nuvole. Chagall è vissuto anche per lasciarci questi doni. Anche ridotti in versi si lasciano amare e fruttificano altre visioni, nutrono le sinapsi..
    Narda

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      Sì, Narda, per ora felicitiamoci di avere occhi vividi e di saperci quiddità pensante, e di sapere d’essere fatti di luce.
      sai quanta gioia ho nel condividere le immagini e i pensieri, amo chi li raccoglie e accoglie.
      è bello nutrire le sinapsi, è bello averle, le sinapsi 😉
      Grazie, carissima!
      cri

      Mi piace

  11. ludmillarte ha detto:

    “mentre la terra gira senza approdi” io mi ritrovo qui nei tuoi versi che sento fortemente. grazie Cristina, un sorriso

    Mi piace

  12. poetella ha detto:

    che bella, cri!
    Che bella tu, sirena fluttuante!

    Mi piace

  13. infatti un giorno
    che m’affacciai a me stessa blu e bellissima
    dissero d’aver visto una sirena
    nuotare alla finestra
    come in un quadro di Chagall

    Cara Sirena, stai davvero bene alla finestra, e anche il tuo canto…
    Ciao, un abbraccio. D.

    Mi piace

  14. Antonio ha detto:

    Certo che i gatti sognano, è nei loro sogni più disturbati che si dipana la nostra realtà…forse. Mi piace sempre più la tua poesia, a volte ti “invidio” i versi 😉

    Mi piace

  15. falconieredelbosco ha detto:

    un tuffo… un volo senza coda, con le ali del dolore.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.