Donne dei giorni

donne-fiori (corteccia d’abete)particolare – by criBo

 

nello stesso destino delle ore felici
o tempestose
delle gite dei nostri dolori fuori porta
il mare d’erba alta
i passi tallonati dalle offese

mancavano sostegni nei filari
grappoli e figli
respiri tronchi quando
partorivamo senza scampo

e tutte fummo violentate e uccise
per un’idea di libertà nata con noi
e tutte _ad ogni età_
siamo cangianti e un poco folli
donne vestite di sé stesse e nulla
che le imprigioni in pregiudizi e burka

l’uomo di strada ride sgangherato
d’involucri a scadenza
sbranerebbe l’amore se potesse

l’uomo che invece vive ed è
luce a se stesso
ne condivide il pianto ___ e quando è sera
nel proseguire insieme
proietteranno in due la stessa ombra

                              

                                   

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

13 risposte a Donne dei giorni

  1. poetella ha detto:

    e poi…oltre tutto, che splendida chiusa!

    Mi piace

  2. lallaerre ha detto:

    “un’idea di libertà nata con noi”, è così Cristina, è la libertà di una sapienza originaria, radicata nella terra, nei tronchi, nell’erba… nella vita stessa degli esseri umani e di tutto ciò che esiste, una sapienza che fa sentire, vedere e soffrire tutte le distorsioni e le violenze che ogni giorno vengono messe in atto, ma sa anche riconoscere chi è capace di condividere il pianto e di proiettare “in due la stessa ombra”. Come sempre, le tue immagini bellissime!

    Mi piace

  3. frantzisca ha detto:

    mi sento inadeguata…l’emozione profonda inficia qualsiasi parola

    Mi piace

  4. Antonio ha detto:

    “per un’idea di libertà nata con noi”…sia lode a Eva per la sua disubbidienza, prova di un Dio maschio che stava sondando i limiti della propria conoscenza. Cara Cristina, come frantzisca prima di me anch’io mi sento inadeguato, del resto sono un uomo, e l’unica speranza per noi è non essere “di strada”.

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      Antonio, ne conosco molti di uomin (a cominciare dai miei figli cui ho comunicato il rispetto per le donne), che le affiancano e sono partecipi della loro grande fatica di vivere; ma anche della loro bellezza. E sono gli Uomini veri, quelli che sanno di essere fatti della stessa luce.
      tu se sicuramente tra questi.
      per quelli di strada, purtroppo, c’è poca speranza..
      grazie

      Mi piace

  5. cristina bove ha detto:

    il mio grazie a tutti pollici alzati!

    Mi piace

  6. sì, amica cara: compagno di vita è chi condivide le ‘gite dei nostri dolori fuori porta’, inquilino della stessa ombra, della stessa rabbia, della stessa fatica (e di quei rari squarci di luce che la libertà -almeno di pensiero divergente- sa accendere).
    Mi piace molto questa poesia, molto.
    ti abbraccio
    zena

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      cara Zena, è con loro a fianco che dovremo raggiungere la libertà da qualsiasi violazione e vessazione, è insieme a loro che dovremo insegnare ai futuri uomini e alle future donne che la libertà si ottiene attraverso la conoscenza.
      il sistema sociale vede le stesse donne alimentare sottomissione a canoni discutibili, anche se determinati da contesti che le vede perdenti e dipendenti economicamente dagli uomini.
      bisognerà cambiare insieme, verso un’umanità migliore.
      grazie
      ti abbraccio anch’io
      cri

      Mi piace

  7. aitanblog ha detto:

    Di commovente bellezza, quella strofa finale.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...