Una folla seduta sul divano

presenze e riflessi -  by criBo

tanti da non potersi enumerare
vivi ma addomesticati alle cose
o nebulosi, poco più che tende
ci passano attraverso

è che non si può stare veramente soli
nelle scomposizioni e fughe d’acqua
in viaggio da una stanza alle sorgenti
e verso il monte
_il nostro sacro monte_ (mi suggeriscono le voci)
:scorgo la vetta
e diventare scale i suoi versanti

dalle chiuse
si sale e si discende la corrente
poi si dovranno scompattare forme
riconoscersi fuori di misura
smettere di fluire in ogni senso
essere il punto e ciò che lo circonda

————————-

————————

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

22 risposte a Una folla seduta sul divano

  1. massimobotturi ha detto:

    il mondo è affollato, di anime, e di corpi
    e noi ne siamo parte

    Mi piace

  2. ludmillarte ha detto:

    buongiorno Cristina.
    “essere un punto” e ricompattarsi intorno ad esso sarebbe tanto utile (e dovrebbe anche essere naturale, ma tutto è artificioso ormai). davvero bella. grazie

    Mi piace

  3. tramedipensieri ha detto:

    Buongiorno Cristina
    …in realtà non siamo mai “soli”…

    un sorriso
    .marta

    Mi piace

  4. Antonio ha detto:

    parli anche tu di quelle impronte che lasciate nell’aria attraversiamo…

    Mi piace

  5. fattorina1 ha detto:

    “smettere di fluire in ogni senso/ essere il punto e ciò che lo circonda”. sono versi che dovrebbero essere incisi agli angoli delle strade perchè definiscono ricompattano l’unità e riconoscono la pluralità dalla quale si forma e dalla quale sarà ulteriormente formata; non più monadi ma sciami di fotoni, fluido che si espande e ci abbraccia.
    Grazie, Cri.
    Narda

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      se ne fossimo tutti consapevoli, cara Narda!
      sapremmo nel profondo di appartenere al Tutto, di esserne parte imprescindibile.
      e forse smetteremmo di catalogare e ci potremmo definire senza più parole, solo in un abbraccio cosmico.
      il punto focale di ciascuno però sa.
      grazie!
      cri

      Mi piace

  6. gelsobianco ha detto:

    Cri,
    la tua poesia con la chiusa mi illumina.

    Noi, parte del tutto.
    E la nostra consapevolezza di questo sarebbe così importante!

    Scusa la brevità, ma sono stanca!
    Ti abbraccio, cara.
    gb
    Sto ascoltando la musica che hai donato ai tuoi lettori.
    Non ho parole per i tuoi versi e per questo adagio.

    Mi piace

  7. maria d'ambra ha detto:

    L’unicità è anche il molteplice, tutto quell’andirivieni tra porte temporali, ciò che siamo e quel che siamo stati, aiuta la nostra mente a comprendere, a percepire che si tratta sempre di noi, che siamo un tutto e anche una parte e soprattutto che “siamo sempre”…
    nessuno meglio di te sa scardinare le anguste soglie del pensiero tradizionale, che impone il tempo e la separazione come una gabbia che ci rende prigionieri… invece le tue poesie Cristina offrono la libertà…
    baci

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      certamente, Maria, e bentornata!
      però è facile immedesimarsi con la bellezza, meno con tutto ciò che le è contrario… eppure…
      ora che stiamo imparando a nonfidarci delle gabbie, specialmente di quelle che sembrano lasciare aperture e invece ti tengono nell’angustia…
      mi hai detto una cosa bellissima: le tue poesie Cristina offrono la libertà… Grazie!
      è una grande felicità saperlo!
      baci

      Mi piace

  8. Anonimo ha detto:

    “essere il punto e ciò che lo ciconda”: è già solo qesto una poesia nella poesia!
    baciocar

    Mi piace

  9. un testo serio, che non si chiude su se stesso, quindi illumina la comune condizione senza assolverla. Anche per questo a me sembra un testo importante.

    Piace a 1 persona

  10. gelsobianco ha detto:

    “smettere di fluire in ogni senso
    essere il punto e ciò che lo circonda”

    E ancora mi fermo su questi versi e sulla luce che mi portano… ascoltando la musica che è in te e queste note
    Grazie sempre, Cri cara
    gb

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.