Considerazioni da chaiselongue

chaiselongue

Non devo far chilometri per arrivare all’acqua
il deserto non soffoca i miei piedi
non mi uccidono se guardo in faccia un uomo
__tuttalpiù mi violentano per strada__
non porto anelli al collo
e non ho il sesso tagliato e ricucito
reco però le ingiurie alla mia età
di chi si crede giovane ed è vecchio.

Avremo forse pace
quando inciampando nelle terre d’ombra
incontreremo lo straniero-io
sabotatore delle traversate
lì sulla costa giunto
sconosciuto alla gente del paese

e ci proclameremo smemorati
c’inventeremo un essere diverso
mangeremo l’ortica per sfamarci
e dalla lingua esangue germineremo bolle di parole

un gran falò
faremo d’ogni lingua e d’ogni glossa
tanto che ce ne viene
da lettere ranocchie orizzontali
alcune imbalsamate come santi
altre lisciate tra le messimpieghe
laccate di carminio e di bon ton

in premio una garrota ad personam
avvitamento ad hoc

o la condanna a vivere da bruti
orfani a vita d’ogni conoscenza

                       

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

33 risposte a Considerazioni da chaiselongue

  1. Antonio ha detto:

    …”orfani a vita d’ogni conoscenza” per questo continuiamo ad avvitarci in parole e sensi ad hoc…quando in un impeto di onestà “ci proclameremo smemorati”…e poi non ho mai sopportato le ingiurie all’età di chi si dice giovane 😉

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      infatti, Antonio, e se da una parte ci sono vecchi arroccati nelle loro memorie e incapaci di comprendere i giovani, dall’altra ci sono sedicenti “giovani” che pure a sessant’anni si sentono bambini rispetto a un settantenne…
      come se fosse l’età a sancire bellezza e ragione.
      🙂

      Mi piace

  2. lallaerre ha detto:

    quella chaiselongue è un osservatorio da cui si gode davvero un’ottima vista…

    Mi piace

  3. tramedipensieri ha detto:

    …torneremo a vivere da bruti….
    …siamo sulla buona strada…
    mi pare

    Mi piace

  4. jardigno ha detto:

    tutto è vanità…

    Mi piace

  5. cristina bove ha detto:

    grazie agli amici del “mi piace”

    Mi piace

  6. fattorina ha detto:

    Le amare visioni che costellano questa poesia di speranza morta, morta ora e da sempre, anche se abbiamo cullato qualche illusione…siamo orfani di conoscenza e forse a questo si potrebbe trovare rimedio… ma la conoscenza che vogliamo è un’oltranza che non sappiamo immaginare. Ci tiene il qui e l’ora, ci facciamo bastare il poco e il tanto che ancora siamo in grado di fantasticare ( fantasmare)
    Narda

    Mi piace

  7. marzia ha detto:

    L’ha ribloggato su Alchimiee ha commentato:
    Beh, ho almeno due buoni motivi per “ribloggare” questo post!

    Mi piace

  8. grazie Cristina per questi versi.Cettina

    Mi piace

  9. gelsobianco ha detto:

    Sei incredibile, Cri!
    Le tue sono proprio “Considerazioni da chaiselongue”.

    Non ce la faccio ora, Cri, a “commentare” versi che tagliano, che ho sentito profondi in me.

    Torno in un altro momento.

    Tu sei unica!
    Ti abbraccio forte
    gb

    Mi piace

    • gelsobianco ha detto:

      Ho compreso perfettamente perchè tu abbia scelto questa musica “Dal Nuovo Mondo” di Dvorak!:-)

      Mi piace

      • cristina bove ha detto:

        buongiorno, gb,
        so da che cosa origina la tua stanchezza e me ne dispiace.
        Non c’è bisogno di altri commenti, credimi.
        Hai già espresso chiaramente il tuo entusiasmo.

        la scelta della musica è un mio pallino, spesso è la stessa musica che ascoltavo, sarebbe meglio dire in cui ero immersa, mentre scrivevo.

        Mi piace

        • gelsobianco ha detto:

          Io penso che la musica in cui si è immersi influenzi il nostro scrivere.
          E ritengo anche che il nostro scrivere ci porti a una determinata musica.
          Io ho profondamente condiviso ciò che tu mi hai fatto giungere, Cri.
          Dopo un commento come quello di Maria d’ambra, ogni parola mia sarebbe superflua.
          Un sorriso
          gb

          Mi piace

  10. albafucens ha detto:

    Belli, versi che fanno riflettere, un viaggio interiore…. Che sapientemente, delicatamente, intensamente, ben descrivi, sottolineando e i tumulti, emozioni della sfera emotiva che a volte ci sostiene, altre ci stropiccia un po’

    Mi piace

  11. maria d'ambra ha detto:

    E’ il corpo che ci condanna a vivere da bruti che annientano ogni possibile conoscenza… finché continueremo a specchiarci, eterni novelli narcisi, la fusione non sarà mai completa, sarà soltanto immagine che si attraversa, ma che non può unire ciò che è incompatibile… l’esperienza terrena si deve fare da smemorati…
    Reinventarsi nelle terre d’ombra invece, impalpabili e senza i sensi dominatori di un Io limitato, renderebbe possibile il ritorno all’Unicità, il ricongiungimento con l’Altro, il ritorno della memoria perduta…
    Cara Cri sei sempre una fonte inesauribile, e la voglia di mescolare le tue parole con quelle che si presentano in mente dopo ogni lettura è inevitabile… adesso sappiamo che anche la chaise longue fa la sua parte!
    un bacio

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      è il corpo sì, Maria, che ci scompiglia gli atomi e le carte…
      che ci fa ritenere d’essere un io compatto, mentre siamo pulviscolo di luce.
      tuttavia nella parte oscura di questa luce cosiddetta “pesante” (in fisica quantistica), ci dobbiamo stare, ci stiamo, e forse proprio per poterci riconoscere altro.
      credo anch’io che la memoria limitata a qualche anno di vita, qual è quella inerente a questa esperienza materiale, sia funzionale all’esperienza sensoriale, all’assemblaggio molecolare, all’attività elettomagnetica del cervello.
      e questo mi ricollega al tuo interessantissimo post di stamattina, che non ho ancora letto per mancanza di tempo e perché mi ci voglio dedicare con la massima attenzione.

      bacio

      Mi piace

  12. carla ha detto:

    ho sempre ammirato l’ironia, fa parte di un’intelligenza superiore.
    ciao Cristina
    c.b.
    😉

    Mi piace

  13. ludmillarte ha detto:

    cara Cristina, credimi nessun bon ton, è davvero fantastica per me. esprimi anche qui alcuni miei pensieri con l’arte dei tuoi versi. grazie e buon week

    Mi piace

  14. aitanblog ha detto:

    Distratto dalla vita, mi ero perso questi ed altri bei versi tuoi, e necessari

    Mi piace

  15. cristina bove ha detto:

    La vita, caro Aitan, è un’ottima distrazione… 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.