Sgombero

finestre - by criBo

                              

Finito il vento forte
quello che passa per le storie
che non cancella sangue e tantomeno
impronte. Lo sapeva
chi stava alla tastiera della vita
quasi passate invano cose estreme
al tocco delle dita
_ i criminali con ombrelli a fiori_
i morti nelle cripte delle chiese

ma il bagaglio di scorie
nel colloquiare in angoli desueti
un bicchiere di vino e una finestra
aperta sui dissolti muri
_solo fantasmi in vista_
e la figura
prendere un po’ di luce, appena un po’
nel divagare assolto

                           

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

18 risposte a Sgombero

  1. fattorina ha detto:

    E’ una poesia sugli “avanzi” del nulla. Qualcosa sfugge sempre alla rosa dei venti, alla foschia del dolore che non si solleva, eppure abbiamo una capacità incredibile per infilarci negli interstizi e lì vedere che ne sarà del resto del giorno.
    Narda

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      che ne sarà del resto del giorno…
      ecco, non sappiamo, non possiamo essere sicuri di niente, eppure abbiamo il coraggio di viverci degli attimi che ci vengono concessi… e non è poco, vero, cara amica? e grazie di esserci.
      un abbraccio

      Mi piace

  2. annamaria49 ha detto:

    “Lo sapeva chi stava alla tastiera della vita” Ecco è tutto qui il tuo messaggio ed io lo sento anche mio, cara Cristina. I criminali hanno ombrelli per ripararsi, vorrei invece che un forte vento se li portasse via.
    Poesia ricca di metafore raffinate e bellissime.

    un caro abbraccio
    annamaria

    Mi piace

  3. tramedipensieri ha detto:

    Basta poco
    ci
    basta poco per riscaldarci
    un pochino di luce
    quella che vediamo
    nel divagare

    un saluto
    .marta

    Mi piace

  4. ludmillarte ha detto:

    buongiorno Cristina, grazie 🙂

    Mi piace

  5. carmen ha detto:

    Se si riuscisse a fara fare “sgombero coatto” al Reo Con Fesso, sarebbe già un’ottima cosa… per il resto… mi viene da commentare, così di botto, quel verso dove dici “i morti nelle cripte delle chiese”, per aggiungere che “i santi si fanno fra di loro”!!!!!
    Ma non siamo per caso capitati in un mondo non nostro? in un mondo-mostro?
    baci.car

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      car_issima, quella soluzione che auspichiamo in tanti non ci sarà, quel reo non è fesso e neppure confesso,, e come lui tutti quelli che gli vanno dietro.
      mi stupisco a vedere come a volte dei versi nati per un certo sentire vadano bene anche per altro.
      Grazie
      baci

      Mi piace

  6. Stefano Re ha detto:

    E’ splendida. Direi perfetta nella musicalità, nella scelta stilistica e nel modo di scrivere il verso. Ed emoziona.
    Stefano

    Mi piace

  7. cristina bove ha detto:

    grazie a tutti i pollici alzati!

    Mi piace

  8. gelsobianco ha detto:

    “Lo sapeva
    chi stava alla tastiera della vita”
    Lui, sì. Lui era speciale.
    Noi no. Noi ignoriamo.
    Riusciremo noi a vivere attimi che avremo per
    “prendere un po’ di luce, appena un po’
    nel divagare assolto”
    senza alcuna sicurezza di sorta, ma continuando ad amare se non altro…

    Che splendida poesia, Cri.
    Ha in sè metafore di grande classe, musicalità e comunica un’emozione grande.
    I tuoi versi sono “tuoi”.
    Vorrei saper dire molto di più.

    Quel tuo dipinto è un incrocio di luce e di ombra, perfetto per questa tua poesia.
    E questa musica…
    Questa musica sgombera la mia anima da tutto e lascia solo bellezza.

    Grazie, Cri.
    Grazie.
    Con affetto vero
    gb

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      cara gb, lui vive i suoi tempi come può fare solo chi non ha pregiudizi, anche nella ressa dei tarantolati, nelle corti dei miracoli…
      io ho solo quanto appare e quanto resta di una voce calda in una stanza, dove
      non si è prigionieri, ma liberi da catene della mente.
      mi fa molto piacere che la musica sia di tuo gradimento. L’ho scelta apposta, questa Aria… che libra nello spazio note e anima.

      un abbraccio
      cri

      Mi piace

  9. guido mura ha detto:

    Sono sempre più ammirato, Cristina, per la qualità (e la quantità) della tua poesia. Sembra che tu respiri poesia, quando io ogni tanto lancio un lamento, quando viene. Mi piace la tua capacità di recuperare anche la musicalità del verso, di cui oggi molti sembra abbiano paura. Qui poi c’è una composizione visuale che utilizza quella tavolozza oscura che ho sempre tanto amato in Braque (che però tendeva a virare sul verde). Sai che l’aria della suite in re di Bach è stata da sempre una delle mie musiche predilette, tanto che da ragazzino la cantavo, aggiungendoci i miei versi. L’avevo trasformata in un pezzo scritto per distogliere il pensiero dal suicidio, che, chissà perché affascina tante menti troppo giovani.

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      grazie, Guido, di tanta considerazione e anche di aver rilevato la musicalità.
      sarà perché nella mia testa i versi si scandiscono da soli in una certa cadenza.
      dipingere è il mio passatempo, mi distoglie da pensieri tristi e da ansietà.
      Ti chiedi perchè tanti adolescenti siano affascinati dal suicidio… io credo che ciò avvenga perché quando si comincia a capire davvero qual è il destino umano, ci si sente disorientati, a volte disperati. Io lo so.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.