Mea culpa

Questo è quanto posso dire
stando nel mezzo di due mondi
il mio e il loro
con le parole messe in fila _un poco
addolorate_
ché non posso saperlo quel tormento
delle carni bruciate
o quanta acqua salata nei polmoni
prima d’essere morti

ma so della quietudine
che vivo a mio discapito _perché
sto qui nel pianificio
che tutto resetta ed infiocchetta_

provai quel gelo
non ne temetti la scadenza ma l’inizio
ebbi terrore
e ricondussi il corpo alla presenza
il cuore al gioco_Lila lo chiamano gli indù_

però nei tempi prorogati
in cui cambia l’assetto delle sorti
e di quei morti senza nome e senza voci
solo l’adeguamento delle cifre
il mio stupore
è come io possa starmene in salotto
o qui seduta ad una scrivania
a scrivere risibili dolenze

per dire in fondo che?
L’essere viva in quest’inferno non
richiede altro conforto
e la desolazione d’un momento passa
ed io mi accuso
ma con la noncuranza di chi sa
d’essere _almeno momentaneamente_
in salvo

.

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie della disperazione e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

42 risposte a Mea culpa

  1. poetella ha detto:

    ecco. Questo mi piace.
    Detto così, sì.

    Mi piace

  2. Giorgio Galli ha detto:

    ed io mi accuso
    ma con la noncuranza di chi sa
    d’essere _almeno momentaneamente_
    in salvo

    Mi piace

  3. tramedipensieri ha detto:

    La faccio mia. Sento la stessa dolenza, e l’accusa.

    Mi piace

  4. yoklux ha detto:

    L’ha ribloggato su CONSERVIAMO LA POESIAe ha commentato:
    …essere almeno momentaneamente in salvo…

    Mi piace

  5. massimobotturi ha detto:

    nessuno lo è veramente, se allarga il proprio angusto orizzonte, e tu lo sai benissimo
    per questo soffri così tanto tramite la poesia

    Mi piace

  6. Antonio ha detto:

    solo momentaneamente in salvo, a guardare milioni di anime che danno la vita per quel momento

    Mi piace

  7. ludmillarte ha detto:

    per dire in fondo che c’è ancora chi soffre per i suoi simili anche se è (momentaneamente) in salvo; per lasciare traccia d’impotente umanità (del singolo) e perchè, anche se la desolazione può passare, tornerà più forte e mai indifferente

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      “anche se la desolazione può passare, tornerà più forte e mai indifferente”

      intanto lasciamo che l’altra metà del mondo muoia per farci vivere meglio.

      Mi piace

      • ludmillarte ha detto:

        cara Cristina, finché non si riesce a cambiare sistema…finché rispetto e aiuto sono pressoché solo apparenti… finché c’è interesse esclusivo per il potere ed il benessere solo per alcuni… come si fa? c’è un mondo da cambiare ed anche un mondo di persone che vorrebbero cambiarlo

        Mi piace

  8. fattorina ha detto:

    Condivido ogni parola e ogni verso della poesia che è molto bella.
    Narda

    Mi piace

  9. aitanblog ha detto:

    Hai ragione, anche quando non ci sentiamo o non ci sentissimo assolti, siamo comunque stati assolti dalla storia, una storia che noi stessi abbiamo scritto, e siamo assolti per il semplice fatto di essere sull’altra sponda di questo tragico guado.

    Mi piace

  10. guido mura ha detto:

    E’ sempre stato così: il sollievo per non essere stati distrutti dalla natura o dalla storia è la principale soddisfazione della vita, l’essere riusciti a rallentare i tempi della condanna, rallegrarsi per il fatto di esserci ancora, non si sa per quanto, ma con l’angoscia della nostra mortalità, della mancanza di ogni garanzia, a inventarci un livello divino, un orizzonte atemporale. Come riusciamo a sopportarlo consapevolmente, da millenni, sapendo che altri invece vengono stritolati, che la loro vita torna ad essere materia inanimata?

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      vero, Guido, viviamo come smemorati
      come se non fossimo anche noi provvisori in questa forma
      e nella separazione apparente ci rallegriamo dei nostri giorni, senza pensare che siamo tutti condannati, tutti, a morte.
      grazie di queste profonde riflessioni.

      Mi piace

  11. gelsobianco ha detto:

    “ed io mi accuso
    ma con la noncuranza di chi sa
    d’essere _almeno momentaneamente_
    in salvo”

    Se guardiamo, però, più in là, in tuti i sensi, diviene tremendo il dolore che accompagna il “mea culpa”.

    E tu, Cri, lo sai bene perchè i tuoi versi, molto belli, sono “dolore”.

    Quel tuo “almeno momentaneamente” dice molto.

    Mi piace

  12. frantzisca ha detto:

    Constatazioni vere, e dolorose ,forse perchè è lo stupore di chi non riesce a sentirsi “assolto”, in colpa per il solo fatto d’essere ancora qui…ma tu sai che non è così, ad ognuno di noi il suo momento…

    Mi piace

  13. E quel conteggio di morti allineati, che alza la sua colonna come una croce, rende ancora più straniante continuare a preparare la tavola, pulire il lavello, riporre le cose nell’armadio. Un sentirsi dimezzati fra il sentire e il non poter fare.
    Sai, Cristina, tu sai dare voce, e con grande umanità, a quello che resta inespresso perché non sa trovare le parole.
    grazie.
    con un abbraccio,
    zena

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      forse, cara Zena, mi hai fornito una piccola chiave per sentirmi “scusata” di scrivere mentre a poca distanza si muore: perchè è la stessa cosa di “continuare a preparare la tavola, pulire il lavello, riporre le cose nell’armadio”, ecc…
      è come continuare a respirare, perché è impossipbile smettere, e se anche non scrivessi, continuerei a pensare, magari in versi.
      questa volta le parole le hai trovate tu.
      un caro abbraccio
      cri

      Mi piace

  14. Anna Maria Curci ha detto:

    E non c’è riga che qui non m’inchiodi
    a quel principio che qui tu denunci
    pasciuto e quieto nonostante i bronci:
    è noncuranza nei consueti modi.

    Mi piace

  15. mauro ha detto:

    Frattanto, un colpo d’ali
    e tutti i sogni, loro,
    in volo restano, e vibrano.

    Del nostro sguardo invece
    la gravità delude e affissi
    al suolo, materialità sublime

    s’addormentano, mi tormentano

    Mi piace

  16. si..in fondo, nel piccolo, è così un po’ per tutti.

    Mi piace

  17. Piera ha detto:

    Quanta consapevolezza e quanto strazio “composto” in questo tuo bellissimo testo! Il fatto è che abbiamo la memoria infinitamente corta e dimentichiamo tutto nel giro di pochi giorni, troppo coinvolti dentro le nostre personali sofferenze.
    Ciao, Cristina, a presto.
    Piera

    Mi piace

  18. cristina bove ha detto:

    infatti, cara Piera, dimentichiamo facilmente.
    ma non so se è per indifferenza o per sopravvivere.
    la nostra sofferenza personale ci mantiene chiusi nel cercare di lenirla, e penso che sia umano, molto umano.
    ciao e grazie.
    a presto
    cri

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...