Il colore dell’aria

mostra a Tunisi - by criBo

*

un aggettivo già sarebbe troppo
per essere un refuso
di qualche libro fatto di asterischi
_lessico a piè di pagina_ d’un testo
scritto da chi sa chi

potrei sparire come un’interlinea
lasciare spazio al termine _appropriato
direttamente e senza correzioni
il bianco in bianco

l’inspirazione è un vuoto pneumatico
scoloritura di respiri
impersistente traccia
dalla matrice ignota all’ora ics

*

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie. Contrassegna il permalink.

16 risposte a Il colore dell’aria

  1. carmen ha detto:

    … e visto che la fisica è alla base di tutti i fenomeni (chimici biologici elettronici e forse pure della coscienza) e che noi lentamente “bruciamo” il nostro combustibile interno, ci sarebbe proprio da pensarci su prima di respirare, perché l’ossigeno aiuta la combustione…
    Ma quale potrebbe essere la scelta alternativa? distrarci respirando… per esempio, osservando il colore dell’aria!
    Oggi per me l’aria era color sorriso. Prova a verificare se anche da te non abbia ancora a quest’ora (17.27) lo stesso colore. Un incanto!
    BBcar

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      belle considerazioni, le tue, Car, e tutte condivisibili.
      ieri non ho avuto modo di osservare aria e sorrisi, oggi respiro piano, mi sembra in qualche vaga sfumatura blu.
      ho anche la sensazione che non basti bruciare ossigeno per consumarsi, che respirare non sia la sola prova d’essere vivi.

      bbb cri

      Mi piace

  2. fattorina1 ha detto:

    Ancora una poesia sulla tua inesausta ricerca di un’identità che ti sazi e ti soddisfi; ma resta così poco attorno: rimandi, refusi, note a piè di pagina…
    Eppure non riesci, non riusciamo a fermarci, e goderci finalmente, l’armonia del silenzio.
    Narda

    Mi piace

  3. massimobotturi ha detto:

    l’inspirazione è rincorsa, e tu voli

    Mi piace

  4. Carla Bariffi ha detto:

    un’analisi approfondita di una scrittura, che può essere la nostra non riconosciuta, oppure il desiderio di annullarsi, in essa e per essa, come nell’inconsistenza di un’aria che sale, dalle note magistrali di un piano…

    il mistero della scrittura permane

    ciao mia cara, un abbraccio molto caldo 🙂

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      sì, Carla, è quanto intendevo, dando per scontato che siamo a noi stessi un mistero.
      e tentiamo di ri_conoscerci attraverso la scrittura, il segno, l’arte in genere.
      per quanto mi riguarda, non per essere ricordata, ma per poter condividere, ora, in vita.

      un abbraccio caloroso anche a te 🙂

      Mi piace

  5. leopoldo attolico ha detto:

    Veramente un bel lavoro questo di Cristina , risolto con la capacità definitoria che gli conosciamo .
    Grazie !
    leopoldo –

    Mi piace

  6. domenica luise ha detto:

    Bella poesia, dove l’aria ha il colore dei nostri stati d’animo, sì, talora bianco su bianco oppure un libro di asterischi con parole taciute. Smarrimento umano esplicito, ma è anche un perdersi poetico di falda in falda dentro te stessa. In quanto all’ora ics, è ineluttabile per tutti, qui non vedo paura, solo una dolce tristezza quasi materna e consolatoria.

    Mi piace

  7. gelsobianco ha detto:

    E ci cerchiamo e ci cerchiamo e… inesauribile ricerca.
    E ci ritroviamo con refusi, asterischi e note a margine di pagina.
    Tu, con i versi, esprimi tutto questo, penetrandoti profonda, come tu fai sempre.
    E cerchi la condivisione che, poi, alla fine, è ciò che salva tutti noi.

    Ora il colore dell’aria ha, per me, il colore del suono di questo violino.
    Per l’ora ics vorrei proprio la musica ad accompagnarmi.

    Trovo particolarmente in tema con la tua poesia quel tuo dipinto, Cri.

    Grazie, Cri.
    Ti abbraccio
    gb
    Buona domenica con il colore dell’affetto della tua famiglia

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      cara gb,
      ho capovolto volutamente il concetto di scrittura: te lo immagini un libro fatto tutto di asterischi, mentre le parole sono invece a più di pagina?… ecco, mi affascina l’assurdo.
      in fondo tutta questa nostra vita lo è, ma solo se ci intrappoliamo nella logica apparente che ci rende incapaci di concepire Altro…

      Buona settimana
      un abbraccio
      cri

      Mi piace

  8. sarant ha detto:

    complimenti Cristina!

    saragei

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...