La poesia, a volte

la ragazza con l'ombrello - by criBo

ri_versarsi nel corpo
nel suo modo innocente
possibile e totale ogni metafora
[stomaco triste: helicobacter pilori]
e prossimale al cuore l’indigesto
_non sempre si capisce mentre accade_
e solo il tempo scritto sulle carte
ancora ne rivela

ci s’incammina allora sulle strade
cartelli indicatori
a distanziare l’anima dai segni

s’incontrano poeti silenziosi
che non scrivono, ma
_semplicemente_  vivono

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

22 risposte a La poesia, a volte

  1. leopoldo2013 ha detto:

    Il linguaggio di Cristina ha una sua capacità di “chiamata” sempre amabile, sempre cordiale: un invito, una mano sulla spalla.
    Grazie
    leopoldo attolico –

    Liked by 1 persona

  2. Loredana Savelli ha detto:

    I versi prendono, e prende la conclusione: trovo questa poesia una “summa” poetica. La poesia confina col silenzio, ma entrambi sono compresi nell’intensità di una vita vissuta, e poi, eventualmente, de-cantata (“_non sempre si capisce mentre accade_”). Un saluto!

    Mi piace

  3. fattorina ha detto:

    E’ un bel colpo all’ombelico ai poetivendoli; i poeti trovano sembre un mistero da dire, ma sanno che non cambierà il mondo, forse sarà solo un alito di vento sulla guancia, una carezza. certamente nessuna gazzarra nel gran tourbillon..
    Narda

    Mi piace

  4. ludmillarte ha detto:

    “prossimale al cuore l’indigesto” sarà questa ‘vicinanza’ che dà la sensazione di chiusura dello stomaco quando il cuore soffre…
    sempre bello leggerti.
    caro saluto

    Mi piace

  5. romeoraja ha detto:

    Scrivere è un atto comunque compreso nel vivere, certe volte diventa causa stessa del continuare a vivere, non può essere tanto diverso se per vivere o per scrivere non si finge. per questo Tu e anche io, chiamiamo ” poesie ” alcuni gesti di alcune persone. molto bella.

    Mi piace

  6. domenica luise ha detto:

    C’è un passaggio dallo spirituale al concreto che rimane, tuttavia, un solo punto. E i poeti possibili sono tanti, quelli riusciti pochissimi perché la parola non si piega. Mi piace.

    Mi piace

  7. annamaria49 ha detto:

    Ed è proprio così: i tormenti dell’anima prendono lo stomaco, allora vi sono poeti che riversano nello scritto le loro emozioni e altri che le pensano, ma pochi riescono a comunicare il messaggio con tanta sapiente raffinatezza come tu fai. La parola è magica, la parola tutto può.
    Bravissima!
    un caro abbraccio
    annamaria

    Mi piace

  8. gelsobianco ha detto:

    E non sono poesia alcune persone “belle” che compiono il “bello”, Cri?
    “poeti silenziosi”

    Che bella poesia, bella come il tuo dipinto!
    Abbraccio
    Grazie
    gb

    Mi piace

  9. Anonimo ha detto:

    Particolarmente belli gli ultimi tre versi! Ciao
    Gio

    Mi piace

  10. lementelettriche ha detto:

    ❤ s'incontrano poeti che – silenziosamente – sono poesia e li si distingue da chi fa poesia… 🙂

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...