Scarroccio

scarroccio - by criBo

così pareva a sporgersi di lato
il vento un po’ girovago
l’increspatura a smalto
un suono proveniente da lontano
si trasferiva goccia dopo goccia
e il pavimento diventava mare

_brucia la fronte_ dice un canto madre
e libera la testa da figure
che parevano amiche
ma sostano distanti sulla riva
nel silenzio degli occhi

in solitaria traversata
alla deriva delle circo/stanze
mi libero le tasche dalle pietre
e giunta al faro
abbandono la barca e prendo il volo

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in amicizia, CriBo, poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

14 risposte a Scarroccio

  1. aitanblog ha detto:

    Da bambino giocavo spesso con mio fratello più piccolo ai pirati, e il letto diventava nave. Da adulto lo faccio ancora, con la mia piccola.
    Leggendo i tuoi versi mi sono rivisto tra quei mari del Sud.

    Mi piace

  2. tramedipensieri ha detto:

    …tenersi leggeri…è poter volare

    buona giornata
    .marta

    Mi piace

  3. carmen ha detto:

    Qui ci trovo quella leggera ironia che rende godibilissime le tue poesie.
    E questa è anche creazione di un mondo fantastico che in qualche modo addomestica quel certo disagio (dovuto all’abbandono di qualcuno che si credeva amico/a) e rimette benessere psichico in circolo.
    Poi, che io ti veda prendere il volo, libera da “pesi” inutili (le pietre come metafora della pesantezza di certe relazioni insoddisfacenti), è tutta un’altra storia (ma non tanto…), è invece la solita storia… è la tua capacità di “rappresentare” (teatralmente) ciò di cui parli con così bon ton!
    Ciao, sorprendente amica
    car

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      e come potrei sopravvivere alle delusioni, se non fossi autoironica?…
      certo che sentirsi messi da parte, in un momento felice, mi appare strano, anche se qualcuno, non ricordo chi, disse che i veri amici si vedono nella gioia, non nel dolore… ecco, credo che avesse ragione.
      le pietre, Car, ricordi Virginia Woolf? spesso ci penso, ma le mie pietre le voglio soltanto virtuali, io devo vivere finché ce n’è, lo devo a chi mi ama, in primis ai miei figli.
      ciao, empatica, dolce amica.
      cri

      Mi piace

  4. momix ha detto:

    …e perché non tornino in tasca, quelle pietre, meglio scagliarle lontano…a volte ci si inciampa 🙂
    sempre un gran piacere leggerti nuova.
    un abbraccio
    mo

    Mi piace

  5. Anna Maria Curci ha detto:

    Se la fronte è increspata al navigante,
    saltimbanco prescelto da chi è attento,
    lascia perdere bussola e sestante:
    acrobata su biga fu, poi vento.

    Mi piace

  6. fattorina1 ha detto:

    Dalle circo_stanze al volo: più che ironia ci trovo speranza, rappresentazione di uno stato quo che fatichiamo ad abbandonare perchè sempre nuova mirabilia ci inganna. Le pietre sono anche il peso dell’orma, scagliate lontano sollevano ( consentono di sollevarci).
    Narda

    Mi piace

  7. Antonio Devicienti ha detto:

    Cara Cristina,
    scelgo lo spazio di questo commento per dirti quanto io ammiri la tua poesia per la sua saldezza stilistica e di contenuto; amo in particolare i testi in cui il mare si profila a volte con la sua cattiveria, altre volte con la sua bellezza, talvolta come spazio del sogno, talaltra come luogo d’avventura e d’interrogazione. Vorrei commentare più spesso, ma non mi piace ripetere banalità, per cui preferisco tacere, illudendomi che tu avverta il mio silenzio come ascolto e gratitudine. Visito molto spesso questo tuo spazio accogliente. Belle e profondamente umane le voci che vi leggo/sento.

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      caro Antonio, saperti presente, anche se in silenzio, mi fa immenso piacere.
      è vero, il mare per me rappresenta l’origine della materia, la matrice di tutte le forme; ma anche la varietà dei contrasti, proprio come tu dici.
      inoltre la mia infanzia e la mia adolescenza ne sono state fortemente segnate, dall’orizzonte senza ostacoli (mi è sempremancato da quando ho lasciato Napoli)
      alla grandiosità della sue tempeste e delle sue bonacce.
      non ultimo il suo mistero, il suo significato archetipo.
      forse questo avviene quando si nasce in una città di mare.
      grazie della tua visita, graditissima.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...