Ipotesi di confine

DSC01550

                                                                        

Se mai lo perderò questo vizio di scrivere
_e prima o poi lo perderò_
avrò parole scompagnate in testa
caratteri scomposti, e tra le ciglia
un soffio d’aria a non volersi pianto

Magari guarderò cadere il cielo
su queste poche case disadorne
in cui resto seduta a farmi esistere
case di terra e fiori
case in cui stringo tra le braccia il sole
e non lo lascio andare

Mi pervade una musica costante
sono malata d’anima
ne porto i segni sulla fronte
di quel male incurabile
di cui sono già morta e sembro viva

non l’avrei progettato
esserci a questo modo _o forse sì,
ma poi dimenticato_

scriverò della sosta e del percorso
[non l’avessi già fatto]
: sarà l’ultima lettera inviata
in solipsismi ed espressioni algebriche
e  son convinta che
se non saprò più scrivere d’eterno
sarà l’eterno a scrivere di me.

                                         

                                          

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

15 risposte a Ipotesi di confine

  1. poetella ha detto:

    chissà come scrive l’eterno…
    Tu, bene.

    Mi piace

  2. franco ha detto:

    Non sembra un “eterno”. Sembra più un confine italiano, poco prima del confine successivo

    Mi piace

  3. fattorina1 ha detto:

    E’ una delle tue poesie più melodiche; il contrasto fra l’istante (?) e l’eterno si dissolve in una pacificazione anche se riaffermmi il tuo stare qua, oltre la soglia; ci sarà tempo per l’aldilà e intanto qui soffri e ridi, sei grande e piccola. Hai desiderio di dirti, Se così è, Cristina di questa vita siamo certi, l’oltre…. chissà.
    Narda

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      da quando mi fu detto che le mie poesie erano “troppo” melodiche, ho fatto di tutto per spezzarne le cadenze.
      ogni tanto mi lascio andare e magari per qualcuno sono cantilenanti, ma non m’importa, perché anche il ritmo, a volte, può avere un senso.

      di questa vita siamo certi, o almeno così ci sembra.
      io non ne sono totalmente sicura… 🙂
      sarà che mi sento sempre in sospensione, un insieme di puntini che penso d’essere “io”…

      Mi piace

  4. fattorina1 ha detto:

    Proprio tu confondi melodia e cantilena! All’origine la poesia era danza, la cantilena serve a conciliare il sonno.

    Mi piace

  5. gelsobianco ha detto:

    Questi tuoi versi sono musica e danza.

    “e son convinta che
    se non saprò più scrivere d’eterno
    sarà l’eterno a scrivere di me.”

    Ora sei tu a scrivere, con il tuo ritmo, questi versi!

    Ipotesi di confine!

    🙂
    gb

    Mi piace

  6. frantzisca ha detto:

    ooh! Accidenti Cris! Centrata in pieno e stesa.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.