C’era una volta e…

tra le onde - by criBo

C’è questa laguna a metà stanza

dai mobili sommersi
un boccheggiare di cassetti aperti

dentro ci vive una sbiancata d’anni
talvolta un pescatore di minuti

e c’è un pallore d’asma che scolora
il sangue e le correnti
una colonia di fantasmi in ombra
quasi viranti al nero

era corallo e fiamma la mia casa
e la speranza aveva un pugno teso

sogno di me vermiglio s’allontana
sparisce lento al flusso di maree
mi salpa nave
e mi trascina al largo

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

16 risposte a C’era una volta e…

  1. Raul Bucciarelli ha detto:

    L’ha ribloggato su daisuzoku.

    Mi piace

  2. Raul Bucciarelli ha detto:

    Bellissima. L’idea della laguna a metà stanza mi ha fatto pensare al cinema di Tarkovskij dove l’acqua è dappertutto… Non so…un flashback…mi sono visto passare alcuni fotogrammi de “Lo specchio” …film straordinario….

    Mi piace

  3. gelsobianco ha detto:

    Bellissima, Cri!
    Bellissima!
    La chiusa e l’inizio…:-)
    Ogni verso.

    Perché dire?
    Ho sentito tutto tantissimo in me.
    “C’era una volta e…”

    Perfetto accostamento con la musica e con il tuo dipinto…
    “C’è questa laguna a metà stanza”

    Ti abbraccio, bravissima Cri.

    gb

    Mi piace

  4. lallaerre ha detto:

    Ieri avevo messo un commento… avevo creduto di metterlo, evidentemente. Ti scrivevo che se pure la bellezza bisogna saperla vedere, incontrando le tue immagini straordinarie il compito è reso veramente facile. Ciao Cri, un abbraccio.

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      carissima, quello che tento di fare forse è soltanto sparpagliarmi in mille frammenti, scintille colorate, ecco.
      dal buio è difficile, ci provo, spargo di me parole e lucine, ma in fondo non so nemmeno perché lo faccio
      ti abbraccio forte, lu, buonanotte

      Mi piace

  5. bella davvero… sai accostare le metafore con la delicatezza di un impressionista… mi sembra di toccare i colori e i tuoi cassetti… bravissima…

    Mi piace

  6. fattorina1 ha detto:

    Calibrata, profonda, senza elucubrazioni ma con metafore dirette così come gli ossimori. Bella , veramente,

    Mi piace

  7. elis19mr ha detto:

    Come al solito mi emozioni! Grande Cri!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.