In cucina

dedicata a un amico

il mio kintsugi - by criBo

Un vetro piange di vapore
dai rivoli si scorgono i balconi
il resto è nebbia
me stessa immaginaria
al di qua dei battenti

mi scuote il bip del segnatempo
_dopo averne bruciato d’ogni sorta_
chiudere il gas

aprire a pagina settanta
il libro di ricette
fare un falò di tutte

ci sono sponde oltre le quali
è bene non sedersi
e preferire una scrittura mista a
un tavolo gremito d’incostanze
all’agrodolce

svendo mobilia e tutorial
scale e ritratti
_letti e surrogati libri letti_
cuccume e chicchere spaiate
pietra ollare

e vi regalo per la sera
_dovesse mai mancare la corrente_
il mio kintsugi
un sole profumato di lavanda
una luna quadrata alla finestra

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

19 risposte a In cucina

  1. miglieruolo ha detto:

    chi vuol fare poesia dovrebbe studiarla questa tua di oggi, rifletterci un po’ sopra: più di quanto normalmente occorra. Ne trarrebbe giovamento.
    Ci sarebbe da scriverci sopra una cosa del genere: come fermare un istante con alcuni versi, stilati come se si trattasse di un racconto…
    Ma non lo fai sempre, questo? No, non sempre…

    Ma cosa è la “pietra ollare”?

    Tieni presente che non ti posso rispondere, wind non mi spedisce più la posta e sembra non esista un servizio di assistenza dedicato…

    Mi piace

  2. annamaria49 ha detto:

    Bellissima, m’inchino a tanta raffinatezza e atmosfera pregnante che pare di toccarla con mano.
    Buona giornata, carissima.
    un grande abbraccio
    annamaria

    Mi piace

  3. aitanblog ha detto:

    Si potesse nelle vita valorizzare le ferite e far adorno delle cicatrici come in questo tuo kintsukuroi!

    Mi piace

  4. aitanblog ha detto:

    Ma a pensarci bene qualche volta si può e si fa…

    Mi piace

  5. carmen ha detto:

    “ci sono sponde oltre le quali / è bene non sedersi”
    e poi il kintsugi bellissima immagine con cui dai una speranza di trasformazione dell’esperienza (certo non positiva, mi par di capire, della persona a cui l’hai dedicata) in preziosità, qualcosa che rivalorizzerà la vita
    e poi un sole profumato di lavanda
    e poi una luna quadrata alla finestra
    Tutte immagini augurali molto belle e originali.
    Avranno senz’altro l’effetto desiderato.
    ciao, bellissima persona, oltre che poeta super!
    car

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      adesso che mi ci fai pensare, Car, può anche assumere il significato cui ti riferisci.
      in effetti l’ho dedicata a un amico che in un suo commento ha scritto che la cucina mi ispira…
      però può starci anche la ferita risanata con la tecnica del kintsugi.

      grazie
      un grande abbraccio
      cri

      Mi piace

  6. ninaesposition ha detto:

    “Un vetro piange di vapore /dai rivoli si scorgono i balconi /il resto è nebbia…”
    è un verso stupendo/struggente: hai dato anima al vetro, cuore e dolore…!
    Mi fai pensare al “punto di rugiada” che dà inizio alla condensazione quando la temperatura fuori è più fredda, lo sbalzo termico sui vetri condensa il vapore in acqua, forse accade così anche per il nostro corpo: quando dentro siamo “caldi” d’amore per la persona cara e ci gela la visione della sua sofferenza si condensano quei vapori, gli occhi si appannano… tutto diventa nebbia e confusione…

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      proprio così, Nina, mi confonde sempre l’appannamento dei vetri, e in cucina accade anche quando l’acqua bolle in una pentola.
      sento ugualmente l’appannarsi di un sogno, di una vitalità, di una speranza.
      e per il resto, forse siamo tutti vasi più o meno infranti, ed è la nostra anima che cicatrizza con l’oro le nostre ferite.
      grazie
      un abbraccio

      Mi piace

  7. fattorina1 ha detto:

    E’ una poesia che mentre pare aprirsi in una narrazione invece si chiude nel vuoto, nell’assenza lasciando un retrogusto di amarezza. Le tue ancore non sono salde e spesso ti trascinano oltre la linea di marea.
    Narda

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      forse non ho ancore, cara Narda, forse ho solo l’illusione di averne, di tanto in tanto…
      a volte ho la sensaziione che niente più mi appartenga, e che niente abbia il potere di trattenermi dalla fuga.
      ma c’è una parte di me che resiste, in nome dell’amore, credo.
      grazie
      cri

      Mi piace

  8. fernirosso ha detto:

    mettere in pari ciò che è ìmpari e impari a parare come tutti i colpi che la mensa della vita ci prepara organizzando per tutti la lezione di cucina e cucito, di lettura e rilegatura:osso per osso e fiore per fiore, una misura mistura che lega mente a cuore.
    ferni

    Mi piace

  9. pieramariachessa ha detto:

    Un vetro apre il tuo bel testo, un altro lo chiude, nel mezzo ci regali un pezzo di te. E la luna, quadrata, osserva… Buona settimana.
    Piera

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...