Appellativi categorici

città  di mare - by criBo

 

Ho visto zampe di lucertola
tracciare sabbia di giardini zen
striare voci d’estensione
sopranica

si potrebbero udire
ali di moscerini prigionieri
battere ai vetri _morti d’abbandono_
fuori le vespe han fatto il nido
nella buca da lettere

i cognomi degli alberi
sono scanditi tra le foglie
ma nessuno li sente
sotto le desinenze bilobate
pennatosette rime tra gli stomi
rispondono presente
nell’immobilità del loro esistere.

(maggio 2011)

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Appellativi categorici

  1. fattorina1 ha detto:

    Lo sfascio del mondo è lo sfascio delle sue creature: quando richiami d’uccelli, frinire d’insetti, vespe tese a nidificare in luogo improprio, credi/ credo sia rimasto poco del vire ore rotundo, con meravigliata sofferenza per l’infinito che osa sbirciare da uno squarcio.
    E’ una delle tue poesie più dure; il male è negli uomini non nelle altre creature.
    Non cerchiamo alibi.
    narda

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      “nessuno uscirà vivo da qui”
      solo l’immateriale, il pensiero, il quid autoconoscitivo, stando alle leggi della meccanica quantistica, potrà esistere in altre dimensioni… forse.
      qui non c’è scampo.
      un abbraccio, Narda, per essere entrata nei miei versi.
      ciao

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...