Tesi antitesi sintesi

È stato un attimo
ma in quell’attimo ho sospettato
di non esistere
_____________siamo sicuri?
dice
che per essere
basta sentirsi vivi?
Quella che dice ha occhi
anche mani
e altro
dico
ma sono sicura
che esista?
_____________Mon dieu
ton dieu
son dieu
leur dieu
eccetera
_____________ sub/li//mi/na/li
ah!
Eh sì!
Volta la faccia amore
vedi la stonatura
degli epitaffi? Erano lini e fasce.
E a dirla tutta
_____________ tra le righe
si potrebbe in itinere morire
e non esistere
repeat repeat repeat
ab aeterno
ad aeternum
(l’altra mica sa di latino)
______________ e questo scherzo
siamo sicuri che
sia veramente scritto?

 

( giugno 2011 )

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in riproposte e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Tesi antitesi sintesi

  1. guido mura ha detto:

    Sarebbe un’illusione dialettica? ma se il processo si muovesse a spirale, includendo sempre nuove mutazioni-arricchimenti, nulla potrebbe mai ripetersi in maniera identica. La creazione è continua, ma potrebbe essere anche solo pensiero-coscienza del movimento. Ma il movimento sussiste anche se non se ne ha coscienza? Esiste anche per il nero gattone dagli occhi gialli che fa serenamente toilette nel nostro giardino condominiale? I dubbi rimangono. Si muore veramente o si dà realtà a un pensiero di morte. Può morire chi non esiste, come i personaggi di un romanzo? La morte di Madame Bovary è reale come quella di Cleopatra, o sono entrambe solo immagini di morte?

    Mi piace

  2. cristina bove ha detto:

    sì, Guido, potrebbe essere un’illusione dialettica.
    ma essendo io convinta che anche la nostra forma è mutamento e la materia una solidità illusoria, tutto coincide e tutto è possibile.
    Lila, il grande gioco, come lo defiscono gli indù, è appunto una realtà virtuale nella quale noi stessi siamo frattali di frattali.
    grazie di questo bellissimo e intrigante commento

    Mi piace

  3. fattorina1 ha detto:

    Credo di condividere quanto scritto da Guido, ma aggiungo che è una poesia ironica, fra le tue rare per il gioco di parole perchè l’essere non può che essere affrontato da sardonici viveur.
    Narda

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      è vero, mi piace talvolta giocare con le parole, e anche ironizzare su me stessa e ciò che mi accade, con una sorta di distacco divertito, ma in fondo credo che sia uno dei tanti modi umani per non soccombere all’immanenza.
      grazie, Narda, ciao

      Mi piace

  4. gelsobianco ha detto:

    nella tua poesia tu giochi con le parole come sai fare tu.
    nella tua ironia io sento forte il bisogno di noi uomini di allontanarci dalla stretta della realtà.
    un abbraccio, cara Cri
    gb
    molto interessante e profondo lo scambio tra te e Guido!:-)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...