Esponenziale un po’ lapalissiana

leggerezza - by criBo

scrivere
è l’esatto contrario di _non scrivere_
un atto volontario e che sia chiaro
:non scrivere è possibile
solo se si può scrivere

e mi diffido io stessa dal trattare
formulari da tavola _periodica o da surf?_
chiede la tizia
una di quelle che mi vive a fianco
esperta d’elementi e vuoti d’aria
ma piccoli
più o meno onde bonsai

del resto essermi viva è stare dentro
continue interpunzioni temporali
numeri ed algoritmi
a pagaiare immersa in acque ripide
salvandomi da rapide e tsunami

poi tutte quante al vento, le parole
piegate da una parte come steli
orizzontali da sembrare linee
e sempre più invisibili

                             

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

13 risposte a Esponenziale un po’ lapalissiana

  1. ludmillarte ha detto:

    ciao Cri, la porto su Elle e sempre complimenti 🙂

    Mi piace

  2. lallaerre ha detto:

    “… del resto essermi viva è stare dentro
    continue interpunzioni temporali…”

    che dire? bellissima!

    Mi piace

  3. bella, bella, sei una brava poetessa!
    un caro saluto e un :-)).

    Mi piace

  4. romeoraja ha detto:

    solo se ami la scrittura puoi scrivere queste righe, d’amore. brava.

    Mi piace

  5. fattorina1 ha detto:

    Alla ricerca di un significato all’indaffararsi quotidiano , ti rispondi da sola: è la scrittura che sospinge a stare dentro “interpunzioni temporali”, casuali forse, ma pregnanti, saldi nelle loro minuzie.
    Narda

    Mi piace

  6. gelsobianco ha detto:

    che meraviglia, Cri!
    sì, ho colto, Cri, tanto!
    “del resto essermi viva è stare dentro
    continue interpunzioni temporali” ❤

    "a pagaiare immersa in acque ripide
    salvandomi da rapide e tsunami"
    e ho sentito questi versi fondersi nelle note magiche di Vivaldi… illustrate bene nel video.

    "……………………………………. steli
    orizzontali da sembrare linee
    e sempre più invisibili"
    Sì! Sempre più invisibili.

    Ci sono la musica, la poesia a colmare, a farci sentire che siamo avvolti da qualcosa che ci "placa" e ci dà aiuto.
    E tutta l'arte, quell'arte che è anche nei tuoi dipinti…

    Grazie, Cri.
    Ti abbraccio.
    🙂
    gb

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...