Meta_fisica

quinte del cielo - by criBo

                                                                                                                                   

Siamo così condizionati a ritenere realtà soltanto ciò che percepiamo coi nostri sensi, che perfino le teorie filosofiche e religiose ne subiscono il limite.
Eppure, secondo la fisica quantistica, la materia non è altro che vibrazione di fotoni: luce.
Nella sperimentazione scientifica sulle particelle (quark e antiquark: bosoni, gluoni, muoni), di cui consiste l’atomo, ci si è dovuti arrendere all’impossibilità di osservare oggettivamente quelle infinitesimali, che non sono tracciabili, in quanto mutano secondo l’occhio di chi osserva, e la cui esistenza è deducibile soltanto intuitivamente da fattori ipotizzabili, talvolta prevedibili, ma non sempre  dimostrabili.

I grandi filosofi (soprattutto Schrödinger, ricordate il suo”gatto”?), i pittori con la loro visionarietà, talvolta i mistici, i compositori, i poeti, gli artisti in genere, si avvicinano a questa intuizione di Realtà infinitamente poliedrica, e tentano di esprimerla ciascuno alla propria maniera, quasi profeticamente, come suggerimento all’umanità di non accontentarsi del tangibile, e tendere all’oltre.

                                                          

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, riflessioni e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Meta_fisica

  1. fattorina1 ha detto:

    Non posso che prendere atto delle tue affermazioni, non sono competente e tu mi stupisci ogni giorno per il tuo sapere enciclopedico.

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      non tanto sapere, cara amica, quanto desiderio di approcciare, seppure in maniera approssimativa (ché non è possibile alla mente umana avere competenza specifica di ogni disciplina), perché è inesauribile la mia sete di conoscenza.
      🙂

      Mi piace

  2. gelsobianco ha detto:

    Il paradosso del gatto di Schrödinger… Quanto vorrei sapere di più e più profondamente.
    E mi avvicino, ma non basta mai.
    So che è necessario tendere all’oltre.

    Tu, che sei artista vera, ti accosti a questa “intuizione di Realtà infinitamente poliedrica” e la esprimi alla tua maniera, colma di bellezza-verità.

    Ti abbraccio forte, mia cara Cri assetata di conoscenza 🙂
    gb

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      la ricerca non finisce mai, cara gb, e forse è questo che ci dà la forza di proseguire, di non arrenderci ai colpi bassi del destino.
      io sono stata fortunata per un’infinità di cose, e l’essere sopravvissuta a tanti accadimenti drammatici, in fondo, è stato un dono speciale della vita.
      grazie
      ricambio il tuo abbraccio
      cri

      Mi piace

    • miglieruolo ha detto:

      Il gatto di Scroedinger. Semplifico, quindi impoverisco. Non sono un fisico, ciò che dico deve essere preso con le molle.
      Si tratta di un esperimento mentale tendente a chiarire che, in fisica quantistica, quando si esegue l’osservazione di un sistema questo viene indotto a assumere uno stato determinato. Prima dell’osservazione regna l’indeterminatezza.
      Un gatto ipotetico viene posto all’interno di una scatola d’acciaio insieme a un ampolla contentente un gas velenoso e a un contatore Geiger con una piccola porzione di materiale radioattivo. Il gatto non può interferire con l’ampolla. All’interno del materiale radiottiva, entro un tempo determinato, è probabile che un atomo si disintegri. Il contatore in quel caso registra l’evento e fa scattare un martelletto che rompe l’ampolla. Il gatto muore. Tuttavia l’osservatore esterno non può sapere nulla del suo stato finché non apre la scatola. Fino a quel momento si può descrivere la condizione del gatto solo probabilisticamente (quante probabilità ha di essere vivo e quanto di essere morto). L’apertura della scatola dissolve la “sovrapposizione di stati” tipica dei fenomeni quantistici. L’esperimento serve appunto a illustrare la natura non deterministica della meccanica quantistica, natura che molti ritengono sia applicabile anche al mondo dell’infinitamente grande. La teoria classica respinge nettamente tale ipotesi.
      Ciao.

      Mi piace

  3. aitanblog ha detto:

    “…without contraries is no progression. Attraction and Repulsion, Reason and Energy, Love and Hate, are necessary to humane existence.” William Blake, maestro metafisico.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...