Cartografie d’amaritudine

l'isola - by criBo

                               

Pioggia di mezze gocce
nella metà d’un quadro di minuzie
_l’amarsi a dosi minime_ quel tanto
che non imponga ripararsi il viso
a braccia alzate

e paga il dazio l’anima costiera
sperando nello sconto di burrasca
ma non si torna giù dagli altipiani
né si riemerge dagli abissi senza
aver smarrito la metà del cuore

nell’entroterra dei carteggi
al porto d’_elusione
rotte navali mappe e freghi neri
sulla carta d’imbarco per Citera
avvisano che l’isola è scomparsa

                                  

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Cartografie d’amaritudine

  1. montgiusi ha detto:

    ma non si torna giù dagli altipiani
    né si riemerge dagli abissi senza
    aver smarrito la metà del cuore..

    Bellissimi versi, bellissimo trovare chi con le parole riesce così bene a descrivere i moti del cuore e persino le sue “tempeste”…complimenti davvero!

    Mi piace

  2. carmen ha detto:

    Un po’ come vivere al meno… (al_meno!) tutto col 50% di sconto…
    Ma nella stagione dei saldi non c’è da fidarsi troppo.
    Cristina, hai scritto un’altra bellissima poesia, con immagini nuove e che catturano come una calamita!
    Sono sempre più orgogliosa di te!
    Un abbraccio sferico
    car

    Mi piace

  3. tramedipensieri ha detto:

    ..pioggia di mezze gocce…
    e già qui ti.e.mi ci ritrovo….

    ben ritrovata Cristina
    ciao
    .marta

    Mi piace

  4. fattorina1 ha detto:

    Una vita che non tracima, come una pioggerella non riesce a lavare e tu non ti pari e non dispari, però “e paga il dazio l’anima costiera
    sperando nello sconto di burrasca
    ma non si torna giù dagli altipiani
    né si riemerge dagli abissi senza
    aver smarrito la metà del cuore”
    Sono consapevolezze che si fanno pagare care, è oro puro e non rame tinto.
    Narda

    Mi piace

    • cristina bove ha detto:

      si fanno pagare carissime! soprattutto quando ci metti il cuore e ti scontri con la mancanza di sentimenti sinceri.
      a volte si può ferire inconsciamente, forse, ma mi chiedo se in fondo non ci sia qualche motivo oscuro che mi sfugge.
      grazie
      cri

      Mi piace

  5. gelsobianco ha detto:

    “ma non si torna giù dagli altipiani
    né si riemerge dagli abissi senza
    aver smarrito la metà del cuore”
    si torna solo così, con il cuore strappato dai sentimenti inesistenti e falsi degli altri mentre tu avevi investito tutto di te…
    e, poi, ti dicono che quell’isola è sparita…

    questa musica splendida c’è però!
    e ci sei anche tu con la tua poesia!

    gb

    un abbraccio caro, Cri!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...