Di rime balzane e interruzioni

il cuore a pezzi - by criBo

 

Stavo scrivendo una poesia d’amore
quasi mi stavo commuovendo, quasi
se la tastiera non avesse riso
anzi no, sghignazzato
e non m’avesse indotto a stropicciare
un foglio virtuale al perfido cestino
forse è più conveniente
scrivere di silenzi e di respiri (ché da morti
si è certamente più eleganti)
e di note barocche o di mazzocchi
il dentro e il fuori arrotolare ad arte.

Stavo scrivendo languide carezze, quando
un guizzo alla nuca _un lieve scappellotto
e mi si è acceso un testo ? tasto
da ripiegare a uncino, forse un amo mimetico
inizio mascherato (il resto m’ancia)
a questo punto è inutile il prosieguo
le parole che allappano, i tapini bacidanotte
(ma che ti viene in mente?) mentre fuori
siedono in parlamento i malfattori i vecchi
ammanicati gli assassini _ferma, non cancellare_
gli omuncoli da quattro soldi d’anima
arringatori d’alvei pusillanimi, fiumi di feci
__che parole, signora, lei che il lutto
nemmeno le si addice, elettr(onic)a__

Così persi qualunque ispirazione e dell’amore mio
smisi di scrivere, misi da parte lune inseparabili
stagnole di cioccolatini (quando mai!)
stelle inabilitate a trascrizioni di…
eh no, che non si può tradurre il cuore.

 

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie, riproposte e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

16 risposte a Di rime balzane e interruzioni

  1. Branoalcollo ha detto:

    Scusa che male c’è a commuoversi?

    Mi piace

  2. fattorina1 ha detto:

    asseriscono, appunto. Ma io non so più parlar d’amore, neanche a creare uncini e ami…

    Mi piace

  3. falconieredelbosco ha detto:

    due ami uniti formano un cuore

    Mi piace

  4. giovannamaria1 ha detto:

    Sempre geniale! ciao
    Gio

    Mi piace

  5. Rita Loprete ha detto:

    E’ proprio vero, Cri! Non si può tradurre il cuore… Geniale davvero, sei una e centomila altre te… ❤

    Mi piace

  6. Anna Maria Curci ha detto:

    Se il cuore, certo, non si può tradurre,
    allora noi lo traghettiamo
    sull’altra riva (c’è, non dubitare),
    dove si sbuccia salta e incontra gli altri.

    Mi piace

  7. fiammetta giugni ha detto:

    Come ti capisco, Cristina! Brava!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...