Appelli elementali e megafiori

verso blu - by criBo

Affermano le cose con parole civili
che se d’aria si vive anche si muore
un colpo e via
madonnasanta in prestito sul letto
per un’avemaria di grani duri
credersi santi

_ d’acqua è la morte a barche in avaria _

le teste già cadute
d’uomini e ciclamini (come si può chiamarli ciclamini
questi elefanti rossi non si sa)
io che li amo minuscoli sotto ippocastani
e quel colore… quel… colore

basta un colpo di tosse per sfiorire
_a ciascuno il suo vaso o la sua zolla_
e andarsene è soltanto un’utopia
originali o ibridi
si perdono altri petali e si cade
però non si scompare
si scolorisce un poco _se la traccia
qualcuno avesse disegnata
con inchiostro indelebile

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

12 risposte a Appelli elementali e megafiori

  1. Anonimo ha detto:

    Grazie cara, sei fantastica, come sempre! Ti abbraccio.

    ernestina

    Mi piace

  2. massimobotturi ha detto:

    ineguagliabile in purezza formale

    ciao Cristina, un abbraccio

    Liked by 1 persona

  3. tramedipensieri ha detto:

    …e il profumo, il profumo dei ciclamini…..

    Liked by 1 persona

  4. Anna Maria Curci ha detto:

    Quesito storia sciarada ipotesi: quale di queste quattro opzioni, che culminano nella conclusione? A me pare che il fascino di questi versi risieda nella coesistenza di tutte e quattro. Grazie!

    Liked by 1 persona

  5. Rita Loprete ha detto:

    I petali,che sono materia, possono cadere ma la purezza interiore e la genialità innata, quelli no, non potranno sfiorire mai… Ti abbraccio, amica cara ❤

    Liked by 1 persona

  6. fattorina1 ha detto:

    Cara Cri, tu sai che sono in sintonia con quanto scrivi; non si scompare, si scolorisce, poi il tempo compie il suo lavoro di livella e sgorghiamo in sorgenti, in libellule, in prataioli. Perchè avere fretta? Perchè temere? Ogni giorno di più pieghiamo le spalle per la forza di gravità, ma sì, ci arriveremo a terra e nessun gioco sarà stato inutile.
    Narda

    Liked by 1 persona

    • cristina bove ha detto:

      certo che lo so, cara Narda.
      e non abbiamo fretta, no, anzi ci attardiamo ad osservare pareidolie di nuvole e pensieri, sostiamo a scrivere di ogni cosa perché ogni cosa possa trovare posto nella memoria e riscaldarci il cuore.
      notte
      cri

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...