Sui cancelli del mondo

cancelli - by criBo

 

si aspettava
che con il grigio delle mezze voci
arrivasse l’avviso di sgombrare
nessuno aveva mai saputo quando

  si stava appesantiti dai ricordi
_la memoria è il rovello degli umani_

nelle amnesie pietose si sperava
ci si ammalava di pensieri morti
si piangevano i vivi già mancanti
d’altronde s’era giunti a fine giorno
finivano le strade
e tutte conducevano al confine

apparivamo stanchi
avevamo rifatto tante volte
il letto e ripulito le soffitte
sembrava d’esser vuoti, si sostava
su minuscoli punto di contatto
_ respiri in equilibrio sulle punte_

in un accordo tacito fingemmo
di non esserci accorti di morire
un tanto al giorno

                                  

                                    

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Sui cancelli del mondo

  1. pieramariachessa ha detto:

    Versi dolorosi, ogni verso un graffio, ma quanta bellezza! Bellissima anche l’immagine, la tua arte, quei cancelli e, sullo sfondo, quasi a stemperare il nero, minuscole porzioni di rosa nel cielo.
    Ciao.
    Piera

    Liked by 1 persona

  2. fattorina1 ha detto:

    Amch’io : gli ultimi versi , quanto stuupendi e quanto veri…

    Liked by 1 persona

  3. la tua poesia è insieme un volo dell’anima e un atterraggio per questa terra! ogni santo giorno della nostra vita! 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...