Misure approssimative

scala e faville - by criBo

                                    

Capelli blu di prussia
più piccola d’un gatto
seduta sul ripiano del comò
accanto al portacipria di mia madre
ereditato coi suoi rouges à lèvres
a farmi le boccacce
_ero cresciuta poco, per mancanza d’ossigeno_
e faccio un’ombra tonda ora che ho smesso
di vivere da donna, di sospettarmi umana

un ciottolo di riva
ha secoli per farsi levigare
noi che ci asporta un po’ alla volta il male
l’intimità dei corpi _conchiglie senza mare_
forse sappiamo l’infinito
ridotti all’essenziale

 

 

 

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesia e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

13 risposte a Misure approssimative

  1. fattorina1 ha detto:

    Il quadretto sentimentale iniziale perde la cornice e l’argento della specchio per farsi misura della miseria dove l’infinito cova nel respiro essenziale.
    Neppure in questa poesia mancano le strategie retoriche come l’ossimoro dell’ultimo verso. A chi la vuoi contare , Cristina?

    Liked by 1 persona

    • cristina bove ha detto:

      credevo di averti risposto, cara Narda, ma temo di non aver premuto il tasto “invia”.
      non ricordo cosa avevo scritto, ma più o meno dicevo che anche il tuo commento è poesia.
      e che le figure retoriche si assemblano da sole… sai come.
      ti abbraccio

      Mi piace

  2. Anna Maria Curci ha detto:

    C’è pure levità nella distanza
    se il blu di Prussia e il rouge à levres e guance
    affiancano ostinati l’essenziale,
    colore e luce a sassi levigati.

    Liked by 1 persona

  3. cristina bove ha detto:

    non hanno più importanza spazio e tempo
    quando si vive dello stesso senso
    e si appartiene all’universocielo

    Liked by 1 persona

  4. Blumy ha detto:

    grazia e perfezione in ogni dettaglio (ho il nuovo pc, Cri. anche se è un po’ rognosetto con continue richieste di passwords. un abbraccio

    Liked by 1 persona

  5. falconieredelbosco ha detto:

    riporto alcune strofe di una canzone che amo particolarmente – The lee shore di David Crosby :
    Lungo la costa sottovento
    Conchiglie giacciono sparse nella sabbia
    Scintillando come occhi lucenti verso di me,
    Dal mare…

    Eccone una come il Sole nascente
    Più vecchia di quanto si possa immaginare
    Giace ancora là dove qualche onda incurante
    L’ha dimenticata molto tempo fa…

    Liked by 1 persona

  6. cristina bove ha detto:

    bellissima, grazie Fausto!
    sembra scritta per me… 🙂

    Mi piace

  7. marinaraccanelli ha detto:

    profondità, leggerezza, ironia….vena poetica che spilla quasi fosse facile!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...