Decennio

oltre la soglia - by criBo

 

Dal settimo all’ottavo
che la più parte degli umani muore
con le proprie vicende belle e brutte
sé stessi  dentro il corpo che s’appanna
_fargli l’inchino per la persistenza_ 


e tra  imperfetti
gerundi participi e congiuntivi
nei trapassati prossimi e remoti
condizionati dagli indicativi  e
di tanti verbi
saperne coniugare solamente
l’infinito presente e qualche se

 

magari vi va di leggere anche questa, a me ha chiarito dubbi e confermato alcune certezze:

https://ancorapoesia.wordpress.com/2011/08/22/poemucolo-compendioso/

 

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Decennio

  1. massimobotturi ha detto:

    nel presente ci stiamo sempre troppo poco, in effetti

    ciao Cristina
    🙂

    Liked by 1 persona

  2. lementelettriche ha detto:

    L’ha ribloggato su lementelettrichee ha commentato:
    Commovente…

    Liked by 1 persona

  3. tramedipensieri ha detto:

    molti “se” in questo infinito troppo veloce presente …

    Buona giornata Cristina 🙂

    Liked by 1 persona

  4. fattorina1 ha detto:

    eppure è bella così come la vita che trapassa dall’infinito presente al dubbio onnipresente.

    Liked by 1 persona

  5. almerighi ha detto:

    l’infinito presente e qualche se… in poche parole a delineare il destino di un’umanità senza lumi

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...