Che festa?

rose e mimose - by criBo

mimose temerarie

resistevano al vento di scirocco

la donna  se ne stava  rotondeggiante e fissa

quando s’aprì

 nella carlinga del comò

 l’uovo dell’uomo:

ne fuoriuscì la bella del reame

vestita bianca dalla testa ai piedi

lui ne vegliò la nascita e l’amò

vide il suo corpo arrendersi all’età

e seppe accontentarsi

d’azzurre velature  _e rose due_

                                                      

                                             

QUESTA   forse ci sta meglio

         

                                        

rose e mimose - by criBo

L’8 marzo 1972 la manifestazione della giornata della donna si tenne a Roma in piazza Campo de’ Fiori: vi partecipò anche l’attrice statunitense Jane Fonda, che pronunciò un breve discorso di adesione, mentre un folto reparto di polizia era schierato intorno alla piazza nella quale poche decine di donne manifestanti inalberavano cartelli con scritte inconsuete e «scandalose»: «Legalizzazione dell’aborto», «Liberazione omosessuale», «Matrimonio = prostituzione legalizzata», e veniva fatto circolare un volantino che chiedeva che non fossero «lo Stato e la Chiesa ma la donna ad avere il diritto di amministrare l’intero processo della maternità». Quelle scritte sembrarono intollerabili, così che la polizia caricò, manganellò e disperse le manifestanti.

 

http://it.wikipedia.org/wiki/Giornata_internazionale_della_donna

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, diritto - libertà, festa della donna e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Che festa?

  1. Antonio Devicienti ha detto:

    Cristina: grazie. La tua è anche poesia del mantenere viva la memoria per continuare una lotta in favore della libertà e della democrazia in un oggi violento ed antiumano.

    Liked by 2 people

  2. tramedipensieri ha detto:

    Gli albori della democrazia eh…

    Liked by 1 persona

  3. aitanblog ha detto:

    Bellissima.
    Tanti auguri.
    Per oggi e per sempre.

    Liked by 1 persona

  4. fattorina1 ha detto:

    Plaudo alla poesia e al sottotesto. Oggi per tante donne l’otto marzo è la serata sbracata con le amiche; per quella serata di niente ci sono volute morti, lotte, violenze .Ha ancora senso festeggiare l’8 marzo, nel suo significato autentico però, che non è spogliare alberi di mimose, né godersela al ristorante o ai night per una sera.
    Narda

    Liked by 1 persona

    • cristina bove ha detto:

      grazie, Narda, degli apprezzamenti.
      dici bene, la festa più che altro deve essere la continuità della coscienza, la memoria costante che conferisca valore agli sforzi di chi ha lottato e ancora si batte per l’uguaglianza dei diritti.
      ciao

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...