Occhi

Occhi affacciati
sui graniti
sui vetri
sugli scivoli del metrò
sulle banchine
sui tavoli dei bar
occhi di oscurità
occhi stanchi di pena
hanno liquidi sogni alla deriva
          Alcuni
          hanno costanze dure
          selvagge
          pesanti e inamovibili
          come lapidi
Alcuni
mentre fuggono
raccontano di strade
in cui persero l’anima
Isole senza mare
          Alcuni
          hanno grida già morte
Altri
silenzi incolleriti
abbandonati
poveri
istrioni
occhi feriti
scoprono a intermittenza
insegne di follia
covi di amare brame

Battono sulle facce ombre e cancelli
discendono le scale s’attardano alle porte
rasentano aspri muri
s’acquattano scaltriti nella notte
Segnature di foglie ormai inservibili
offese macerate nei rigagnoli

Alcuni
occhi ridenti
chiamano ad un’intesa
che conforta
come una salda presa
una domanda accolta.

                                             

pag. 112 Fiori e fulmini (Edizioni Il Foglio 2007)

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in Fiori e fulmini, poesie, riproposte e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Occhi

  1. lementelettriche ha detto:

    Cercare
    – prima –
    l’intesa.
    Essere conforto
    brillare di sorriso
    scaldare cuori
    meglio
    che liquefarsi
    e morire
    – poi –
    incolleriti.

    Liked by 1 persona

  2. lucypestifera ha detto:

    mi piace moltissimo: questa è un’altra cristina ancora! ancora poesia! per sorprenderci

    Liked by 1 persona

  3. cristina bove ha detto:

    cara lucy, così scrivevo anni fa, me ne sorprendo io stessa

    Liked by 1 persona

  4. guido mura ha detto:

    Sicuramente la tua poesia ora appare più matura e pacata, ma anche questa presenta spunti notevoli. D’altra parte bisogna sperimentare e crescere, finché il cervello è in grado di farlo.

    Liked by 1 persona

  5. lucypestifera ha detto:

    è vero! è una poesia che ha un po’ di anni, risale a quando ci siamo conosciute: ma infatti è un’altra te! ❤

    Liked by 1 persona

    • cristina bove ha detto:

      è tra le poesie del mio primo libro “Fiori e fulmini”, ma, come tante di quella raccolta, la scrissi molti anni addietro.
      il bello che sto scoprendo in questi ultimi anni è che non si smette mai di crescere e conoscersi, una e tante. ❤

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...