La porta e il silenzio

tempo (tecnica mista) - by criBo

 

                                                                                                             

in una sonnolenza anomala

aprii le strade

in cambio di amnesie

                                                   

era venuto il tempo di tacere

e dalle serrature

togliere chiavi e fiori

                                                    

ad occhi prosciugati

senza nemmeno un cigolio di lacrima

06/11/2011

 

           

                                   

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in CriBo, poesie, riproposte e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

12 risposte a La porta e il silenzio

  1. massimobotturi ha detto:

    come una piccola resa necessaria, e quasi indolore

    Liked by 1 persona

  2. lementelettriche ha detto:

    Un prendere distanze necessarie… a volte.

    Liked by 1 persona

  3. tu non ti puoi arrendere neanche un po’! mi “devi” la luce che mi permette di sorridere ancora. 🙂

    Liked by 1 persona

  4. aitanblog ha detto:

    Ma per fortuna vennero altre parole. Ed altre verranno ancora…

    Liked by 1 persona

  5. cristina bove ha detto:

    grazie mille, Annita!

    Mi piace

  6. fattorina1 ha detto:

    La resa per un poeta è la perdita della voce; la tua è ancora salda; se il freddo l’ha resa afona, la scalderemo con il nostro affetto. Ciao, Cri.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...